Le regole di Dublino saranno cestinate. Renzi incassa una vittoria che preoccupa Cameron

Le regole di Dublino saranno cestinate. Renzi incassa una vittoria che preoccupa Cameron
20 gennaio 2016

Il superamento delle regole di Dublino è visto come un punto a favore dell’Italia, ma non piace certo alla Gran Bretagna, che in base all’attuale obbligo per i migranti di chiedere l’asilo nel Paese di approdo può respingere almeno 1.000 profughi l’anno. Così, alle indiscrezioni del Financial Times che annunciano la decisione della Commissione di cestinare Dublino al vertice Ue di marzo, Londra replica facendo sapere che accellererà con i tempi del referendum sulla Brexit, la possibilità di uscire dall’Unione europea. Il sito del Telegraph apre stamattina citando “il nuovo schiaffo sui migranti a David Cameron”: il premier britannico sta negoziando infatti con i Paesi membri dell’Ue e le autorità di Bruxelles una serie di clausole che gli permetterebbero di fare campagna per la permanenza nella casa europea, senza contraccolpi elettorali per la sua leadership. Ma l’annuncio della fine di Dublino, dato per decisione effettivamente presa a livello di Commissione, mette il capo dell’esecutivo in difficoltà. Così, scrive il Telegraph, Cameron lancerà un “round finale” di trattative sulla Brexit a margine del meeting annuale del World Economic Forum a Davos. Il suo obiettivo è di assicurare un patto di rinegoziazione delle regole di adesione all’Ue per il suo Paese già entro febbraio: traguardo che ora diventa più urgente, proprio alla luce dei piani di archiviazione di Dublino.

Leggi anche:
Migranti Sea Watch: "Non ce la facciamo più, fateci sbarcare"

In una lettera dello scorso novembre al presidente del consiglio Ue Donald Tusk, Cameron ha chiesto garanzie vincolanti sul piano legale che i 19 membri dell’Eurozona non prendano decisioni che possano influire sull’economia del Regno Unito e soprattutto un rafforzamento dei poteri dei Parlamenti nazionali per bloccare le normative Ue, la sospensione della libertà di circolazione per i cittadini dei nuovi Stati membri dell’Ue la sospensione per i primi quattro anni di residenza dei migranti Ue della possibilità di ottenere sussidi in Gran Bretagna. Richieste che in parte starebbero facendo proseliti in Europa, dopo le iniziali critiche, soprattutto sulla quesione dei migranti, che prevederebbe anche la possibilità di chiudere le porte a nuovi arrivi in caso di particolare difficoltà. Una volta incassate le concessioni a cui punta, Cameron lancerà il referendum, che richiede per legge una campagna di 16 settimane, in modo da indirlo già a giugno. “Saremo guidati dagli eventi, non da un’agenda teorica”, ha detto il portavoce del premier britannico. “ma un accordo a febbraio aprirebbe la strada” a questo scenario.

Downing Street, ragiona il Telegraph, intende muoversi anche per evitare “il gioco di specchi” che nei mesi successivi potrebbe complicare la campagna, spingendo l’opzione “fuori” dall’Ue: in particolare, le conseguenze sull’elettorato di una nuova, drammatica crisi migratoria, “con corpi di migranti alla deriva o nuove barriere abbattute”. Ieri sera il Financial Times ha rivelato che a Bruxelles si è arrivati alla conclusione che il Trattato di Dublino in termini di ricezione dei flussi migratori è davvero superato e già entro marzo saranno elaborate nuove regole, che sposterebbero il peso degli arrivi degli aspiranti profughi dai Paesi del Sud europeo a quelli del Nord. “Una vittoria” per il premier italiano Matteo Renzi, giudica lo stesso quotidiano, date le costanti richieste dell’Italia, in prima fila nell’emergenza sbarchi, come pure la Grecia, anche se poi chi arriva sulle coste meridionali europee punta a chiedere asilo o a trasferirsi comunque in Germania o in altri Paesi settentrionali.

Leggi anche:
Via libera ai bandi italiani per la Tav. Cirio a Conte: dia certezze. Ma governo continua a litigare sull'opera
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti