A tavola con il Pad Thai, tofu e gamberetti i protagonisti

23 agosto 2019

Il Pad Thai è un piatto unico che nasce e si diffonde in Thailandia nei primi anni Trenta, come piatto identitario nazionale. L’influenza però è marcatamente cinese, grazie alla secolare immigrazione nel Paese: i noodles saltati sono un classico della cucina cinese mentre tamarindo, zucchero di canna e peperoncino sono quel tocco dolce-piccante tipico della cucina thailandese. Oggi si mangia con diversi tipi di carne, ma tradizionalmente viene preparato con tofu e gamberetti disidratati

Ingredienti (per 4 persone)

300 g di tagliatelle di riso – 2 cucchiai di olio vegetale – 1 spicchio di aglio – chiodi di garofano in polvere – 2 uova – 1/2 cucchiaio di salsa di soia – il succo di 1 lime – 2 cucchiai di zucchero di canna – 1 cucchiaino di salsa di pesce – due pizzichi di peperoncino in fiocchi – 3 cipollotti – coriandolo fresco – salsa al tamarindo (facoltativa) – 3 cucchiai di arachidi non salate – 250 g di pollo a pezzetti, gamberi o tofu (a scelta)

Procedimento

Mettete a bollire una pentola d’acqua leggermente salata e cuocete le tagliatelle seguendo il tempo di cottura riportato sulla confezione. Scolatele sotto l’acqua fredda e mettetele da parte. In una ciotola, mescolate insieme la salsa di soia, il succo di lime, lo zucchero, un pizzico di chiodi di garofano, la salsa di pesce, il tamarindo e il peperoncino. In un wok o una grande padella, riscaldate l’olio vegetale a fuoco medio, aggiungete l’aglio e fatelo imbiondire. Tagliate a fette la cipolla e fatela cuocere leggermente, poi aggiungete i pezzetti di pollo, i gamberi o il tofu – a seconda dei vostri gusti. Quando è cotto, togliete dalla padella e lasciate da parte. Rimettete il wok sul fuoco, aprite le uova e fatele solidificare appena, muovendole con la forchetta, poi aggiungete le tagliatelle, il resto della preparazione e versate la salsa. Saltate per alcuni minuti muovendo il tutto con una paletta, facendo attenzione a non rompere le tagliatelle. Servite con altro peperoncino, zucchero, e lime.

Leggi anche:
A Ocean Viking assegnato il porto di Messina

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti