Anche la Chiesa attacca la Raggi sui rifiuti: avvilisce mancanza di soluzioni

Anche la Chiesa attacca la Raggi sui rifiuti: avvilisce mancanza di soluzioni
11 gennaio 2019

E’ possibile che non ci sia una soluzione? Che cosa sta succedendo a Roma? Se lo chiedono alla diocesi del Papa, “amareggiata” di fronte al degrado legato all’accumularsi di rifiuti. A farsene portavoce e’ stato oggi il vescovo ausiliare monsignor Paolo Lojudice che punta il dito, in generale, anche contro una “politica inquinata in una maniera quasi irrimediabile”. “Io mi pongo, da semplice cittadino, la semplice domanda: ma come mai una grande citta’ non riesce a risolvere il problema della spazzatura? E’ proprio cosi’ impossibile? Davvero non c’e’ soluzione? Io chiederei questo ai nostri amministratori: diteci il perche’. Non possono passare i mezzi? Non ci sono? Sono rotti? Sono sottodimensionati? Sono tutti in ferie? Non c’e’ dove portarla, quindi e’ inutile che la raccogliamo…? E’ un ragionamento, mi rendo conto, da uomo della strada, ma e’ cio’ che si domanda la gente: si resta amareggiati, avviliti”, e’ lo sfogo del vescovo ai microfoni di Radio Vaticana Italia.

Leggi anche:
Cara di Castelnuovo chiude, scoppia polemica. Salvini, regolari verranno solo trasferiti

Il vescovo, sempre in prima linea a fianco di sfollati, Rom, migranti, chiede anche una nuova ‘cifra’ nel dialogo politico. Partendo da uno degli ultimi fatti di cronaca, l’agguato in pieno giorno davanti a un asilo, Lojudice commenta: “Preoccupa ma purtroppo siamo sempre allo stesso discorso: c’e’ chi cavalca un’onda e chi ne cavalca un’altra. C’e’ chi in questo momento sta cavalcando l’onda di una iper-sicurezza che puo’ essere garantita solo da certe modalita’ di intervento, e dall’altra parte c’e’ il caos che si ingenera tra un sindaco e un ministro… Insomma, tutto questo non e’ dialogo. E’ il gioco del chi strilla piu’ forte, chi alza di piu’ la voce, chi si mette di piu’ sui social? Preoccupa uno stile di questo genere perche’ un dialogo politico uno se lo immagina come un dialogo civile”. “Io vorrei che questi politici dialogassero piu’ tra loro e non facessero solo esternazioni continue” e’ l’appello di mons. Lojudice.

Leggi anche:
Hamburger di melanzane, gustosissima per vegetariani (e non solo)

Intanto la Capitale cerca lo sprint sulle opere pubbliche, con il Provveditorato competente di Lazio, Abruzzo e Sardegna del Mit che diventa stazione appaltante per il Comune di Roma. L’obiettivo e’ quello di ottenere procedure piu’ rapide nella realizzazione di quei lavori ordinari e straordinari ritenuti indispensabili per la citta’. A definire i dettagli dell’accordo con il Campidoglio, a cui ha lavorato la sindaca Virginia Raggi in persona, sara’ una convenzione ad hoc. Quanto al protocollo firmato, come spiegano da Palazzo Senatorio, esso “non e’ impegnativo”, ovvero non tutti gli appalti pubblici della Capitale dovranno necessariamente essere gestiti dal Provveditorato, ma l’amministrazione capitolina potra’ rivolgersi anche a questa struttura, oltre al dipartimento lavori pubblici. Con la firma dell’accordo, sottolinea il Ministero, si eviteranno “le lungaggini amministrative e burocratiche che da troppi anni hanno, di fatto, bloccato la Capitale”. Molto critico il Pd capitolino che attacca: “Quando una sindaca non sa fare la sindaca e decide di commissariarsi da sola. E’ questa la sintesi, un auto-commissariamento a tutti gli effetti”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti