Arriva l’app per acquistare biglietti Amat

16 maggio 2014

Dal prossimo 9 giugno a Palermo i biglietti dell’autobus e i tagliandi di parcheggio si potranno acquistare attraverso applicazioni sui telefonini di ultima generazione, smarphone, e dispositivi elettronici. L’Amat, l’azienda di trasporto pubblico urbano, infatti, ha aperto le porte a un ciclo di sperimentazione in regime non esclusivo della durata di un anno, in cui sara’ possibile utilizzare strumenti moderni di pagamento per viaggiare sul bus e per sostare nelle zone blu, utilizzando applicazioni (App) per i sistemi operativi Ios, Android e Windows Phone, o con l’ausilio di apparecchiature elettroniche. Il progetto, assieme a quello che introduce da fine anno il sistema di Bike e scooter Sharing, e il potenziamento del Car Sharing, e’ stato presentato oggi a Villa Niscemi. Con la sperimentazione dei nuovi sistemi di pagamento dei titoli di viaggio e della sosta, gli utenti potranno scegliere fra tre App: ”my cicero” della Pluservice, ”Up Mobile” di Banca Sella, ”Regionesiciliana.com” della societa’ Integra, e un dispositivo elettronico, ”Bus & Park della Neos Teck. Le App si potranno scaricare gratuitamente su smatphone e tablet. Alcune fungeranno da borsellino elettronico, dove sara’ possibile caricare il credito, altre invece funzioneranno con il pagamento dei titoli attraverso singole transazioni con carta di credito. Sara’ necessaria la registrazione. In alternativa alle App, nella sperimentazione c’e’ anche un piccolo apparecchio elettronico, che potra’ essere ricaricato on-line. Sul display del dispositivo si potra’ scegliere il titolo da acquistare.

Leggi anche:
Pensionato disabile vessato, 18 giovani arrestati

Plauso dai sindacati. “Con la bigliettazione elettronica, che partirà in via sperimentale a giugno, l’Amat compie finalmente quella svolta sul fronte della modernizzazione da tempo auspicata dal nostro sindacato”. A dirlo è Antonino La Barbera, segretario regionale Cobas settore trasporti.

“Grazie ad Integra- dichiara Massimo Albanese, socio e fondatore della Integra- e alla sua piattaforma sarà sempre più semplice accedere ai servizi che Amat dà ai propri cittadini. Con l’utilizzo di un unico borsellino elettronico sarà infatti possibile interoperare fra i servizi come le soste a pagamento e l’autobus, pagare il parcheggio alla propria moglie (o al proprio figlio) a distanza, acquistare un tagliando o un abbonamento del bus in completa mobilità. E sempre a breve – conclude Albanese – grazie alla nostra piattaforma, sarà possibile utilizzare il proprio borsellino per acquistare tutti i servizi in mobilità della Sicilia”.

COME FUNZIONA – Attualmente la vendita dei biglietti (e quindi gli incassi ad essi associati) si esplica attraverso due modalità: attraverso terzi convenzionati (tabacchi, edicole, etc.) o biglietterie AMAT. Con la nuova piattaforma, invece, si potrà acquistare il ticket attraverso Pc, tablet e smartphone. Il sistema si implementa scaricando una app gratuita che interagirà con le attività aziendali e l’acquisto del biglietto sia per autobus che per sosta (Regione Siciliana.com). L’acquisto si sviluppa secondo le seguenti procedure assistite: l’utente si collega tramite pc, tablet o smartphone al sito del gestore del servizio di biglietteria elettronica e sceglie la tipologia del ticket (singola corsa, orario, giornaliero, settimanale etc) ed il numero dei biglietti. Visualizzato l’importo, il pagamento avverrà tramite sistema paypal (carta di credito). L’obliterazione avverrà contestualmente all’acquisto. Il controllo tramite addetto avviene sempre con smartphone facendo leggere alla fotocamera il QRcode dell’utente o postando il numero identificativo a cui prima si è fatto riferimento. Questo meccanismo permette i risparmi relativi alla stampa ed alla distribuzione dei biglietti, evita la falsificazione degli stessi, propone un incasso immediato con il passaggio diretto del denaro tra utente ed Azienda.Permette altresì la continuazione della vendita presso tabaccai e rivendite di terzi con lo stesso meccanismo delle ricariche telefoniche, piuttosto che con altri mezzi oramai obsoleti o poco affidabili.

Leggi anche:
Il terrorismo resta "la principale minaccia per l’Italia"

 

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti