Asselborn attacca Salvini: fascista. Il vice premier: “Ha problemi”

Loading the player...
16 settembre 2018

Nuovo scontro tra Matteo Salvini e Jean Asselborn. Dopo il battibecco ‘de visu’ sui migranti, venerdi’, durante il vertice europeo di Vienna, gli attriti non sembrano essersi assopiti con i due ministri che si sono attaccati nuovamente a distanza. “Salvini usa metodi e toni dei fascisti degli anni Trenta” e lo scontro verbale alla ministeriale Ue di Vienna e’ stata “una provocazione calcolata”, ha affermato il ministro degli Esteri e dell’Immigrazione lussemburghese, intervistato al sito dello Spiegel.

Leggi anche:
Berlusconi: ""Sono in atto spregiudicati tatticismi, molto preoccupato"

Asselborn ha rivelato di non essere stato al corrente che il dibattito fosse trasmesso in diretta. Se si trasmettono questo tipo di riunioni, ha lamentato, “non ci potra’ mai piu’ essere un dibattito franco”. Asselborn, protagonista del duro botta e risposta sui migranti con Salvini a cui ha ricordato come in passato migliaia di italiani fossero emigrati in Lussemburgo, ha sostenuto che l’attacco e’ stato cercato dal titolare del Viminale per poi dargli visibilita’ mediatica: i suoi assistenti, ha raccontato, “si piazzano nelle sale in posizioni strategiche e riprendono sistematicamente tutto quello che dice Salvini”.

Leggi anche:
Trattativa in alto mare: Zingaretti tiene su "no" a Conte bis. M5s insorge, "unico nome"

Dura la replica di Salvini. “Il ministro socialista del paradiso fiscale Lussemburgo, dopo aver paragonato i nostri nonni emigranti italiani ai clandestini di oggi, dopo aver interrotto un mio discorso urlando ‘merda’, oggi mi da’ del ‘fascista’”, ha premesso il ministro dell’Interno italiano, su Facebook. “Ma, dico io, che problemi hanno in Lussemburgo? Nessun fascismo, soltanto rispetto delle regole – ha puntualizzato -. Se gli piacciono tanto gli immigrati che li accolga in Lussemburgo, in Italia ne abbiamo gia’ accolti troppi”.

Leggi anche:
L'ultimo affondo di Conte a Salvini: "Chiusa stagione con Lega". E resta in campo per bis

Dello scontro con Asselborn, Salvini aveva parlato anche in un comizio di partito a Fano, ieri sera. “Ieri non ero io che mi sono arrabbiato, gia’ fa ridere il partito socialista operaio del Lussemburgo … hanno piu’ banche che operai – aveva detto -. Io ho solo detto che le sostituzioni etniche non mi piacciono, questo urlava, mi ha staccato il microfono e ha finito con un signorile ‘merde’”. “Hanno capito che il loro tempo e’ finito e che stanno tornando i valori veri, che non sono la finanza”, aveva concluso.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti