Astori non sarebbe morto nel sonno. La perizia: non fu bradiaritmia

Astori non sarebbe morto nel sonno. La perizia: non fu bradiaritmia
Davide Astori
8 giugno 2018

Davide Astori non sarebbe morto nel sonno e si sarebbe potuto salvare se avesse condiviso la camera con un compagno. E’ la conclusione alla quale è giunta la perizia consegnata nei giorni scorsi e su cui i professori Carlo Moreschi e Gaetano Thiene, esperti incaricati dal pm Barbara Loffredo, hanno lavorato per lungo tempo.

La perizia, i cui risultati sono stati anticipati da “Il Corriere della Sera” smentirebbe la tesi per la quale il cuore del capitano della Fiorentina nella notte del 4 marzo, mentre si trovava da solo nella sua camera di albergo a Udine in vista del match dei viola al Friuli, avesse rallentato il suo battito (bradiaritmia), fino a interromperlo. Al contrario si pensa che Astori si sarebbe svegliato ma non avrebbe avuto la possibilità di chiedere aiuto.

Leggi anche:
A Dubai Wallace al vertice, Pavan tredicesimo

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti