Attacco hacker, coinvolti 3 mld utenti

Attacco hacker, coinvolti 3 mld utenti
4 ottobre 2017

L’attacco hacker che nel 2013 ha colpito miliardi di account di Yahoo è stato più grave di quanto si pensasse. Sono infatti stati coinvolti tutti gli account del gruppo, ora di proprietà di Verizon, che ha comunicato ieri sera l’aggiornamento sulla vicenda. I dati fanno riferimento a nuove informazioni e smentiscono quanto detto in precedenza da Yahoo che aveva sostenuto che l’attacco riguardasse solo un miliardo di account. Yahoo aveva per la prima volta rivelato pubblicamente quanto accaduto nel dicembre 2016, facendo aumentare le polemiche per l’incapacità della classe dirigente di garantire la sicurezza. I numeri appena diffusi mettono in luce come l’hackeraggio del gruppo è stato il più importante, in termini di quantità, della storia. Un portavoce di Oath, il nuovo nome della divisione di Yahoo controllata da Verizon, ha detto che il colosso delle comunicazioni si è accorto dei nuovi dati la settimana scorsa. Le informazioni sono state fornite da aziende di analisi esterne alla società. Lo scandalo aveva fatto crollare ancor di più la credibilità del gruppo guidato da Marissa Mayer che già in quel periodo si trovava in un momento molto difficile. Tra le informazioni rubate ci sono i nomi utenti, le password, e in alcuni casi i numeri telefonici, le date di nascita, ha detto il portavoce di Verizon. Yahoo e Verizon raggiunsero un accordo il 23 luglio 2016 per 4,8 miliardi di dollari; il prezzo fu poi poi ridotto a 4,48 miliardi a causa dei due mega attacchi hacker subiti dal gruppo che ora non esiste più: quel che è rimasto dopo la cessione a Verizon di siti come Yahoo Sport, Yahoo Notizie e Yahoo Finanza non è altro che un fondo di investimento chiamato Altaba e che ha in portafoglio le quote preziose in Alibaba e Yahoo Japan. Verizon è riuscita a tenere nel dopo mercato: il titolo del colosso americano delle telecomunicazioni è arrivato a cedere lo 0,3% dopo avere guadagnato l’1% a 49,85 dollari nella seduta odierna.

Leggi anche:
Ospedali, banche, università, strade e piazze: in Cina riconoscimento facciale è già realtà


Commenti