Australian Open, 20 azzurri nell’entry-list delle qualificazioni

Australian Open, 20 azzurri nell’entry-list delle qualificazioni
Paolo Lorenzi
22 dicembre 2018

Un record: sono ben 20 i tennisti italiani nell’entry-list delle qualificazioni degli Australian Open, primo Slam del 2019 in programma a Melbourne dal 14 al 27 gennaio. Le qualificazioni scattano martedì 8 con in gara 15 nostri rappresentanti nel maschile e 5 nel femminile.

Nelle qualifcazioni maschili saranno al via Lorenzo Sonego (fuori di 6 posti dal main draw), Paolo Lorenzi, Stefano Travaglia, Simone Bolelli, Gianluigi Quinzi, Salvatore Caruso, Alessandro Giannessi, Filippo Baldi, Luca Vanni, Andrea Arnaboldi, Stefano Napolitano, Matteo Donati, Federico Gaio, Lorenzo Giustino e Gian Marco Moroni.

Per quanto riguarda le qualificazioni femminili al via Martina Trevisan, Jasmine Paolini, Martina Di Giuseppe, Giulia Gatto Monticone ed Anastasia Grymalska. Ricordiamo che sono 5 i tennisti italiani già presenti nell’entry-list del tabellone principale: Fabio Fognini, Marco Cecchinato, Andreas Seppi, Matteo Berrettini e Thomas Fabbiano.

Leggi anche:
Juve batte Fiorentina e conquista ottavo scudetto di fila. Allegri, ora evitare black-out dopo imprevisti

In campo femminile l’unica giocatrice italiana ammessa di diritto al main draw è Camila Giorgi, numero 26 Wta. Al primo Major stagionale maschile sono iscritti i primi 101 giocatori della classifica mondiale, oltre allo scozzese Andy Murray, in gara con ranking protetto di numero 2 Atp (stessa situazione per il serbo Jarko Tipsarevic ed il belga Steve Darcis).

In campo femminile saranno invece al via le prime 102 del ranking Wta, compresa Serena Williams, che torna a Melbourne due anni dopo il trionfo 2017 quando già era incinta della primogenita Alexis Olympia. In gara con il ranking protetto ci sono la svizzera Timea Bacsinszky, la tedesca Laura Siegemund e la statunitense Bethanie Mattek-Sands.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti