Ballottaggi in Sicilia: occhi su Messina, Ragusa e Siracusa

Ballottaggi in Sicilia: occhi su Messina, Ragusa e Siracusa
23 giugno 2018

Sono 8 i Comuni siciliani in cui domani si terrà il turno di ballottaggio per il rinnovo delle amministrazioni. L’attenzione maggiore è sui tre capoluoghi di provincia: Messina, Ragusa e Siracusa. Nella città dello Stretto va di scena la sfida interna al centrodestra tra Dino Bramanti, che al primo turno ha preso il 28,25% con il sostegno di Forza Italia, Lega e il movimento del governatore siciliano Musumeci #Diventera’Bellissima, e il deputato regionale Cateno De Luca, che 15 giorni fa ha ottenuto il 19,81% con il sostegno dell’Udc e il movimento Sicilia Vera.

A Ragusa, l’amministrazione pentastellata cerca la conferma con Antonio Tringali che lo scorso 10 giugno ha ottenuto il 22,67%, e il candidato i centrodestra Giuseppe Cassì, reduce dal 20,83% i preferenze. A Siracusa la sfida è tra l’ex assessore regionale del centrodestra Paolo Ezechia Reale, fermatosi al 37%, e Francesco Italia, vicino all’uscente renziano Giancarlo Garozzo, che ha ottenuto senza il sostegno del Pd poco più del 19%. Altri grossi comuni al voto sonno Partinico, in provincia di Palermo, dove se la vedranno Maurizio De Luca, del centrodestra (24,29%), e Pietro Rao, sostenuto da due liste civiche (20,15%).

A Piazza Armerina, in provincia di Enna, vanno al ballottaggio Nino Cammarata, sostenuto da Forza Italia, #Diventera’Bellissima e una lista civica, che ha ottenuto il 17,24%, e Mauro Di Carlo, a capo di tre liste civiche, con il 23%. Ad Adrano, in provincia di Catania, la corsa alla poltrona di sindaco è tra il candidato di Forza Italia e Lega Aldo Di Primo, con il 38%, e l’esponente di due liste civiche Angelo D’Agate, con il 32,4%. Sempre nel Catanese, ad Acireale, il confronto è tra l’esponente del centrodestra Michele Di Re, con il 38%; e Stefano Alì di M5s con il 21,51%. A Comiso, in provincia di Ragusa, corsa tra Filippo Spataro del centrosinistra con il 39,46% e Maria Schembari, sostenuta da FdI, Lega, FI e liste civiche, con il 38%.

Leggi anche:
Decretone taglia traguardo alla Camera, ora ultimo miglio. Le novità introdotte
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti