Bambini nati con due padri, caso passa a Cassazione sezioni unite

Bambini nati con due padri, caso passa a Cassazione sezioni unite
22 febbraio 2018

Saranno le sezioni unite a decidere sul caso dei bambini, nati in Canada, con due padri, per i quali la Corte d’appello di Trento aveva detto si’ al riconoscimento in Italia del provvedimento con cui la Corte di Giustizia dell’Ontario aveva stabilito la genitorialita’ del secondo papa’. La prima sezione civile della Cassazione, con una ordinanza interlocutoria depositata oggi, ha disposto l’invio degli atti al primo presidente per l’assegnazione alle sezioni unite, data la “complessita’ e la rilevanza” delle questioni da esaminare. La Corte deve infatti valutare il ricorso presentato dal procuratore generale di Trento, dal ministero dell’Interno e dal sindaco del capoluogo trentino contro la decisione, adottata nel febbraio 2017, dei giudici d’appello. I due bambini (un maschio e una femmina) sono nati in Canada nel 2010: sono nati entrambi con fecondazione assistita, uno da una donna donatrice di ovociti, l’altro da una donna “disposta a sostenere una gravidanza per altri”. In Ontario le coppie omosessuali possono diventare genitori secondo la “gestazione per altri”, perche’ la legge canadese, in tali casi, non riconosce alla gestante la qualita’ genitoriale. I due padri, cittadini italiani, si sono sposati in Canada nel 2008 e hanno ottenuto dalla Corte canadese la genitorialita’ del secondo papa’, verdetto di cui, secondo i giudici di Trento, va riconosciuta l’efficacia anche in Italia, sulla base dell'”interesse superiore del minore”. Bisognera’ attendere ora la fissazione dell’udienza da parte delle sezioni unite.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi anche:
Nubifragio in Sicilia, soccorse persone intrappolate in auto

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti