Bambino rapito a Varese da madre, era su volo per Russia

24 agosto 2017

E’ stato ricostruito dai carabinieri di Varese il percorso fatto dalla donna russa che sabato scorso ha portato via il figlio di 5 anni nato dalla relazione con un italiano di Varese. Le indagini dei militari hanno permesso di ricostruire che la donna, accusata di sottrazione di minore, subito dopo essere uscita da un fast food di Varese, e’ salita su un taxi (prenotato precedentemente) con il bambino e si e’ fatta portare all’aeroporto di Nizza dove, come e’ stato possibile accertare grazie alla collaborazione del collaterale organo di polizia francese, attivato tramite il centro di cooperazione di polizia e doganale di Ventimiglia, il pomeriggio stesso il bambino e’ stato imbarcato su un aereo diretto in Russia. Sono ancora in corso ulteriori indagini, sempre in collaborazione con la polizia francese, per accertare il tipo di documento utilizzato dal bambino e la destinazione raggiunta dalla donna.

Leggi anche:
I Verdi diffidano sindaco M5s Bagheria: "No sconti agli abusivi"

A segnalare la scomparsa del piccolo erano stati i nonni che sabato si erano recati, disperati, dai carabinieri per segnalare che il bimbo, nato dalla relazione tra il figlio e la donna, e che loro avevano in affido da due anni, era stato portato via. Dopo aver raccolto la denuncia della coppia sono quindi cominciate le ricerche: la donna russa avrebbe 30 anni e sarebbe stata sposata con il padre del bambino, varesino; i due si starebbero pero’ separando. Il rapimento sarebbe avvenuto durante uno dei due incontri protetti programmati nel corso della settimana con il figlio e concessi dal giudice. L’incontro sarebbe avvenuto alla presenza di un’assistente sociale al Mc Donald di Varese ad ora di pranzo; la trentenne avrebbe accompagnato il figlio al bagno, quindi si sarebbe allontanata, facendo perdere le sue tracce. Dopo poco pero’ l’operatrice dei servizi sociali si sarebbe allarmata per l’assenza, e dopo aver cercato mamma e figlio avrebbe quindi avvertito i responsabili e la famiglia. I carabinieri hanno quindi cominciato a cercare anche per verificare tutti i particolari forniti dal racconto dei nonni.

Leggi anche:
Rimini, studentessa spagnola denuncia stupro



Commenti