Berlusconi: alleanza Lega-M5s innaturale, agli sgoccioli

Berlusconi: alleanza Lega-M5s innaturale, agli sgoccioli
Il leader di Fi, Silvio Berlusconi
6 dicembre 2018

Il governo giallo verde è ”un’alleanza innaturale ormai agli sgoccioli”. Lo ha detto Silvio Berlusconi durante un incontro oggi, a palazzo Grazioli, con i parlamentari nazionali ed europei, i consiglieri regionali, i sindaci e gli altri eletti della Regione Puglia, guidati dal coordinatore regionale Mauro D’Attis e dal suo vice, Dario Damiani, “per fare il punto anche in vista delle importanti scadenze amministrative che riguardano la Regione”.

Leggi anche:
Oggi la manovra in Senato, Salvini frena su taglio pensioni d'oro

“La Puglia, come tutto il Sud -ha sottolineato il Cav – è il luogo nel quale si consumano le contraddizioni del governo giallo-verde, un’alleanza innaturale ormai agli sgoccioli se si vogliono salvare la credibilità italiana, il risparmio dei cittadini, le speranze delle nuove generazioni alla ricerca di un lavoro e di un’opportunità. Il Sud non vive di assistenza”. Berlusconi è più che convinto che “il reddito di cittadinanza non arriverà mai alla maggior parte di coloro che lo attendono, perché i soldi non ci sono, è un costo in più destinato ad essere pagato proprio da chi oggi non trova lavoro e non ha speranze per il futuro”.

Sul fronte Bruxelles, per l’ex premier “non è negoziando mezzo punto in più o in meno con l’Europa -ha avvertito il Cav- che risolveremo questi problemi, quelli del nostro Sud in particolare. La strada sarebbe quella della detassazione e della deburocratizzazione per attrarre e sostenere gli investimenti che creano occupazione. Se spesa pubblica ci dev’essere, dev’essere finalizzata alle infrastrutture (ponti, autostrade, ferrovie veloci, aeroporti) di cui il Sud è gravemente carente”.

Leggi anche:
Manovra, imprese bevono caffè da Salvini: Martedì tocca a Di Maio

Per il leader azzurro ”solo le infrastrutture creano posti di lavoro, sia direttamente, con i lavori necessari per realizzarle, sia indirettamente, per le attività, gli scambi, i commerci che mettono in moto. Tutto questo è estraneo, anzi opposto alla cultura politica dei Cinque Stelle, ai quali la Lega ha appaltato in esclusiva la gestione delle politica economica del governo”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti