Berlusconi lancia “gilet azzurri”, a gennaio in piazza contro la manovra

Berlusconi lancia “gilet azzurri”, a gennaio in piazza contro la manovra
Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi
29 dicembre 2018

Anche in Italia, come succede in Francia ormai da mesi, scenderanno in piazza i gilet. Ma non gialli, bensi’ azzurri, quelli di Forza Italia, che occuperanno le piazze italiane a partire da gennaio per protestare contro il governo e le misure contenute nella manovra. Incassato gia’ il primo battesimo, con la protesta messa in atto in Aula della Camera prima del voto di fiducia e replicata poi all’esterno, davanti Montecitorio, i gilet azzurri si apprestano a una grande mobilitazione, chiamati alla ‘carica’ direttamente da Silvio Berlusconi. Nel tardo pomeriggio, mentre in Aula proseguono le dichiarazioni di voto sulla fiducia posta dal governo sulla manovra, tutti i deputati di Forza Italia indossano all’improvviso delle pettorine azzurre con su scritti alcuni slogan: da “Giu’ le mani dalle pensioni” a “Basta tasse” fino a “Giu’ le mani dal non profit”.

Leggi anche:
I giudici, riprendere le cure di Lambert. La mamma: "Grande vittoria"

Subito richiamati all’ordine dal presidente Roberto Fico, costretto a sospendere la seduta per 5 minuti, i deputati FI hanno quindi lasciato l’emiciclo per inscenare una sorta di sit in in Transatlantico, al grido di “Pensionati all’attacco”. Infine i parlamentari, indossando sempre i gilet azzurri, si sono diretti all’esterno, per bissare il sit in davanti l’ingresso principale di Montecitorio. Negli stessi minuti, viene diffusa una lunga dichiarazione del leader Silvio Berlusconi nella quale, attaccando pesantemente il governo e la manovra, annuncia: “I gilet azzurri indossati dai nostri parlamentari sono il simbolo di un’Italia che non vuole distruggere, ma ricominciare a costruire: un’Italia che dice basta tasse, giu’ le mani dalle pensioni, giu’ le mani dal volontariato, giu’ le mani dall’Italia che lavora e che produce! Gli stessi gilet azzurri a gennaio saranno nelle piazze di tutte le citta’ italiane per continuare la mobilitazione contro il governo giallo-verde a fianco dell’altra Italia seria e lavoratrice che ancora una volta viene ingiustamente penalizzata”.

“I gilet azzurri che abbiamo indossato oggi nell’Aula di Montecitorio simboleggiano l’avvio della mobilitazione di Forza Italia contro questo governo e le sue politiche”, spiegano poi i deputati di FI. “Non basta piu’ fare opposizione costruttiva nelle Aule del Parlamento, ridotte da questa maggioranza e questo governo a meri luoghi di bivacco, e’ giunto il momento di scendere in piazza e rivendicare con orgoglio i valori del centrodestra. Dei quali oramai siamo gli unici depositari e difensori. Chi vota una manovra che aumenta le tasse, non taglia il costo del lavoro, penalizza il volontariato, danneggia i pensionati e dimentica il Sud non puo’ dirsi di centrodestra. Il vero centrodestra siamo noi, e’ Forza Italia”, concludono. Durissime le parole Berlusconi contro il governo e la maggioranza giallo-verde: “nessuno deve sottovalutare la gravita’ assoluta di quello che sta succedendo alla Camera in questi giorni, nel metodo e nel merito”.

Leggi anche:
Fumata nera per Dl sicurezza, scontro Conte-Salvini a Palazzo Chigi

Quanto al metodo, “si stanno obbligando le Camere a votare – senza quasi averla letta – una manovra scritta sotto dettatura proprio di quei burocrati di Bruxelles che si diceva di voler sfidare e sconfiggere. Per fortuna e’ prevalso il buon senso e si e’ evitata una sanzione europea, ma il prezzo per ottenere questo e’ stato una legge di bilancio che gli italiani pagheranno molto cara”. Sul fronte del merito della manovra, per l’ex premier “innanzitutto aumenta le tasse, contraddicendo clamorosamente non soltanto gli impegni elettorali del centro-destra, ma l’esigenza di far ripartire il paese. Poi, “il secondo aspetto molto grave e’ l’attacco alle pensioni – continua il presidente di FI – cioe’ ai diritti acquisiti di milioni e milioni di italiani che li hanno ottenuti con il lavoro e la fatica e che ora si vedono decurtare quello che spetta loro in base ai contributi versati. Infine, “la terza grave questione e’ l’attacco al non profit, cioe’ alla parte migliore dell’Italia, alle tante realta’ generose e meritevoli che operano nel sociale a fianco del piu’ deboli, perche’ nessuno rimanga indietro, per salvare e difendere la dignita’ delle persone”, conclude l’ex premier.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti