“Bohemian Rhapsody”, Rami Malek: dovevo diventare Freddy Mercury

Loading the player...
19 settembre 2018

E’ un tributo al celebre gruppo dei Queen e soprattutto un omaggio al suo frontman, Freddy Mercury, “Bohemian Rhapsody”, il film diretto da Bryan Singer, nei cinema dal 29 novembre. Per presentarlo a Roma sono venuti gli attori Rami Malek, che interpreta il cantante morto di Aids nel 1991, e Gwilym Lee, perfetto clone del chitarrista del gruppo, Bryan May.

Malek ha confessato: “Lui ha quasi una natura mitologica. Non è solo un’icona musicale, ma è qualcuno che vive nei cuori e nelle menti di tanta gente. E’ quasi un Dio. – ha detto l’attore – L’unico modo per onorare la sua eredità e rendergli giustizia era provare a fare di tutto per diventare Freddy Mercury. Il film non aveva raccolto ancora i finanziamenti quando sono stato coinvolto nel progetto, e io sono andato a Londra a spese mie per trasformarmi: ho seguito per un anno e mezzo lezioni di canto, di piano, e ho imparato non solo le coreografie, ma il suo modo di muoversi e di parlare”.

Il film parte dalla nascita della formazione nel 1970, mostra la storia dei Queen, i loro successi, i grandi concerti, fino al Live Aid del 1985. Parallelamente sviluppa il racconto della personalità del loro leader: il suo talento, le sue fragilità, i suoi eccessi, i suoi segreti, come il legame controverso con la famiglia tradizionalista Parsi e il suo rapporto sentimentale con Mary Austin. “Rifare l’esibizione del Live Aid esattamente come quella originale è stata la cosa più difficile. – ha confessato Malek – L’abbiamo ripetuta mille volte, inquadratura dopo inquadratura, non ho voluto smettere fin quando non era perfetta”.

Leggi anche:
Al via la Festa del Cinema di Roma, 10 giorni di film e incontri

Lee ha invece rivelato: “Il primo giorno in cui ho indossato sul set i costumi di Bryan May, con la parrucca, lui ha bussato alla porta, è entrato, ed è calato il silenzio. – ha detto l’attore – Per due minuti è rimasto a guardare quella versione di se stesso giovane”. Bryan May è uno dei produttori del film, insieme al batterista Roger Taylor e a Robert De Niro. La pellicola verrà proiettata in anteprima mondiale il 23 ottobre alla Wembley Arena di Londra, dove si tenne il celebre concerto Live Aid, e l’incasso sarà devoluto alla Mercury Phoenix Trust, un’organizzazione che combatte l’AIDS.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti