Bova: interpreto Armani e dopo la serie Netflix quella sul nuoto

Loading the player...
11 aprile 2019

E’ stato proprio lui, Raoul Bova, ad inaugurare la 41ma edizione degli Incontri internazionali del Cinema di Sorrento. Reduce dalla Colombia, dove ha recitato in una serie Netflix, presto vedremo l’attore sul piccolo schermo nei panni di Giorgio Armani nella serie “Made in Italy”, con Greta Ferro, Margherita Buy, Eva Riccobono e Marco Bocci. A proposito di questa esperienza dice: “Giorgio Armani sarà uno dei tanti stilisti che racconteremo nella serie, la mia è una partecipazione ma il personaggio è molto importante. C’era tanta aspettativa, tanta responsabilità e tanta paura di interpretare di un grande mostro sacro.

Dietro il suo consenso, e dietro i suoi consigli ho cercato di interpretarlo con rigore, come è lui, e con grande semplicità, come è lui”. Dopo diversi anni Bova è tornato a lavorare anche all’estero, la grande occasione è stata la serie Netflix “Regina del Sud. “E’ una grande serie televisiva che parla delle elezioni in Messico, dove ci sono ovviamente molti intrighi, capovolgimenti di fronte. Io ovviamente, per la prima volta, interpreterò un personaggio inizialmente non positivo, che però ha un bel percorso. Mi sono sentito ben contento di farla. E’ stato un progetto che andrà in tutto il mondo, e ha tutte le caratteristiche per poter arrivare nelle case di tante persone”.

Leggi anche:
In un video il conto alla rovescia di Vip e amici per Parmitano

Dopo quest’avventura Bova è pronto a portare in porto un progetto a cui tiene molto, una serie tv sul nuoto, di cui sarà sceneggiatore e interprete. “Parleremo di sportivi e di sport, e si affronterà anche il tema della criminalità, quindi il confronto tra sport e criminalità, quello che comunque crea il nuoto e i sogni che ti può dare. Con la storia di quattro grandi campioni che racconteranno la loro esperienza si racconterà come i sogni possono continuare a camminare”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti