Bunker Frosinone regge 81 minuti, poi ecco CR7

Bunker Frosinone regge 81 minuti, poi ecco CR7
23 settembre 2018

Il bunker del Frosinone regge per 81′ minuti, poi e’ sempre e solo Juve. Cosi’ Cristiano Ronaldo, al suo primo centro italiano fuori casa, ha colpito di sinistro anticipando i centrali della squadra di casa, e nel recupero e’ arrivata la rete di Bernardeschi, e la Juve fa cinquina di successi in altrettante partite. Si pensava a una goleada bianconera allo Stirpe, invece l’orgoglio di Longo e dei suoi giocatori ha fatto sudare i campioni d’Italia. Il gol di Bernardeschi arrivato al 94′ punisce oltre misura un Frosinone che comunque, al di la’ di una gara assolutamente da incorniciare sul piano del contenimento, ha evidenziato la solita preoccupante carenza offensiva.

Leggi anche:
Lecce gela Milan, per Pioli l'esordio è amaro

Infatti i giallo-azzurri dopo cinque giornate sono l’unica squadra ancora con lo zero nelle reti fatte. Nel Frosinone, su tutti, e’ da sottolineare la serata del portiere Sportiello che fino al momento della rete di CR7 ha dato vita ad un duello che ha esaltato lo stadio, nel dire no a tutti i tentativi di Ronaldo. Al resto ci hanno pensato i compagni, fino al momento in cui la Juve, cinica e spietata come sempre, ha messo a segno i colpi del Ko. In avvio la Juventus cerca subito di occupare gli spazi nella meta’ campo avversaria, ma sono bravi i ragazzi di Longo a non perdere le linee e con un eccellente Hallfredsson che mette a disposizione tutta la sua esperienza. Il Frosinone prova anche a innescare le corsie esterne su Molinaro e Zampano.

Leggi anche:
Samp riparte con Ranieri, Roma ancora infortuni

Ronaldo trova pochi spazi anche se i compagni lo cercano in quasi tutte le azioni. Al 7′ CR7 a due passi da Sportiello, colpisce a botta sicura ma e’ bravo il portiere giallazzuro che para ma non trattiene. Capuano salva quasi sulla linea spazzando via la palla. All’11’ il Frosinone, con Maiello, prova a scaldare i guanti a Szczesny ma la sua conclusione va alta. Al 20′ sassata di Ronaldo ma Sportiello e’ sicuro sul suo palo destro. Perica prova a far salire il Frosinone ma l’impresa e’ ardua. Al 42′ la punta ciociara e’ brava ad anticipare Chiellini su traversone di Molinaro ma la girata di testa va fuori. Il primo brivido della ripresa lo causa il difensore di casa Capuano che buca un rinvio ma Mandzukic non ne approfitta. Al 14′ occasionissima per Ronaldo che spreca sparando alto da due passi. Al 18′ sempre CR7 che prova una magia di tacco ma Sportiello e’ altrettanto bravo a leggere le sue intenzioni e riesce ad afferrare la palla.

Leggi anche:
Coppa Davis, cinque convocati azzurri

Tutti i secondi 45′ minuti sono uno spartito identico: la Juventus ad attaccare e il Frosinone senza perdere la testa a difendersi. Fino ad arrivare al minuto 36′ con Ronaldo che batte Sportiello bravo a sfiorare la sfera ma non a salvare il Frosinone dalla capitolazione. Nei secondi finali arriva il raddoppio bianconero ma e’ un regalo di Crisetig che perde banalmente la palla ai limiti dell’area juventina permettendo alla squadra di Allegri di innescare un micidiale contropiede, quattro contro un difensore canarino. Bernardeschi da due passi batte Sportiello che anche questa volta tocca la sfera, ma la stessa finisce in fondo alla rete.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti