Caccia a “re” Marquez, fiducia su Rossi

Caccia a “re” Marquez, fiducia su Rossi
Valentino Rossi e Marc Marquez
12 aprile 2019

Il settimo Gp delle Americhe e’ alle porte e il leitmotiv non cambia, chi impedira’ a Marc Marquez di centrare il settimo successo consecutivo su una pista dove ha sempre dominato? I candidati sono sempre gli stessi, Andrea Dovizioso in testa e magari anche un reattivo Valentino Rossi, ma contro il campione del mondo della Honda entrambi domenica dovranno avere anche un po’ di fortuna. Lo spagnolo sul circuito texano ad Austin ha sempre fornito prestazioni spaziali, tanto da meritarsi anche una gita al vicino Space Center di Houston, insieme col compagno di squadra Jorge Lorenzo, e al ritorno e’ sembrato ancora piu’ deciso e fiducioso del solito, se mai ce ne fosse bisogno. “Questo e’ un gran circuito per me, anche se ogni anno e’ diverso – afferma Marquez – ma e’ vero che arrivo anche da un periodo ottimo e oltretutto mi sento in forma. La spalla va bene, non sara’ un problema in gara”.

Leggi anche:
Non solo gol, Mancini lavora a super difesa

Il duo Marquez-Honda pare quindi destinato a fare ancora la voce grossa come in Argentina, ma proprio dalle sensazioni avute a Termas de Rio Hondo traggono buoni auspici sia il Dovi, sia Valentino, pur ammettendo che lo spagnolo in ad Austin e’ quasi ‘ingiocabile’. “Marc ha dimostrato di essere il re qui, sara’ difficile lottare con lui ma cercheremo comunque di fare il massimo dei punti possibile”, spiega il pilota della Ducati. “Io sono contento del fine settimana in Argentina – prosegue – il passo era buono, sarebbe bello se anche qui andasse cosi’. La nostra base e’ davvero buona, abbiamo un assetto superiore a quello del 2018. Mi aspetto di essere piu’ competitivo”. Il forlivese, vittorioso in Qatar, e’ staccato di soli quattro punti da Marquez in classifica e intende marcarlo stretto anche dove in teoria parte sfavorito.

Sorridente e rilassato e’ anche Rossi, che affronta con buone sensazioni la prova su “un circuito difficile, impegnativo e insidioso”. “I numeri dicono che Marc qui e’ imbattibile, perche’ vince sempre, ma certo non parti da casa pensando che sia impossibile batterlo – continua il Dottore -. La nostra moto comunque non va niente male e spero di fare bene anche qui”. Rossi e gli altri piloti hanno espresso qualche preoccupazione sullo stato dell’asfalto della pista texana. “Speriamo che i lavori fatti abbiano migliorato la situazione ma una risposta potremo averla solo domani nelle prime libere”, commenta l’italiano della Yamaha, pratico come al solito dopo averne viste piu’ di tutti.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti