Carnevale di Venezia, la magia del “Ballo del Doge”

Carnevale di Venezia, la magia del “Ballo del Doge”
20 febbraio 2017

E’ una delle feste più esclusive e ricercate al mondo, un modo per tuffarsi in un passato fastoso e lontano ma contemporaneamente moderno e divertente. E’ il Ballo del Doge, l’evento clou del Carnevale di Venezia, giunto quest’anno alla sua XXIV edizione come spiega la stilista e organizzatrice dell’evento Antonia Sautter. “Il ballo del doge è un sogno, da condividere con 400 invitati da tutto il mondo e si tiene il sabato di carnevale”. Venezia è: “So splendid, so magic, so glam, so you!”, questo il tema scelto per quest’anno, un omaggio e un messaggio d’amore di Antonia Sautter alla sua città e alla laguna. “Quest’anno più che mai voglio renderle un tributo, per ringraziarla per l’ispirazione che in tutti questi anni mi ha dato per la mia creatività e per i miei sogni”.

Il Ballo del Doge è un appuntamento mondano e artistico, un’esperienza indimenticabile, una rivisitazione contemporanea dei banchetti nobiliari veneziani, con cento artisti che si esibiscono in spettacoli di magia, danza e acrobazia. “Tanti ospiti vip, alcuni totalmente in incognito, perchè in realtà io regalo loro il grande privilegio di celarsi dietro una maschera a mantenere l’anonimato”. Ogni ospite, con abiti di lusso, creati a mano proprio dall’organizzatrice, sarà la star della serata all’interno di Palazzo Pisani Moretta, che si affaccia maestoso sul Canal Grande. “Diciamo che uno può scegliere l’abito che più corrisponde alla propria anima, diceva Oscar Wilde: dà a un uomo una maschera e saprai chi è. L’abito serve a svelare la personalità di chi lo indossa”. Decisamente esclusivo anche il costo dell’ingresso per i pochissimi e benestanti fortunati.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti