C’è più puzza di “bufala” in politica che in un mozzarellificio

C’è più puzza di “bufala” in politica che in un mozzarellificio
3 febbraio 2019

Ormai c’è più puzza di bufala in politica che in un allevamento annesso a un mozzarellificio. Questa volta è il turno di Di Maio: “Ci sono decine di stati africani in cui la Francia stampa una propria moneta, il franco delle colonie, e con quella si finanzia il debito pubblico francese”. Non voglio credere che Di Maio non sappia come stiano realmente le cose, perché mi si rizzerebbero i capelli in testa: visto che condivide la guida del Paese, mi sentirei come il passeggero di una corriera pilotata da un bambino, lanciata a rotta di collo giù per una strada di montagna.

D’altra parte se Di Maio facesse queste affermazioni pur sapendole non vere, vorrebbe dire che pensa che basta sparare frasi ad effetto, anche se infondate, per prendere applausi da gran parte degli italiani – perché la verità è ormai diventata un optional senza valore.  In altre parole sarebbe convinto che gli italiani sono sufficientemente arrabbiati e ignoranti per credere a qualsiasi cosa gli venga detta dal politico che hanno deciso di appoggiare.

E il guaio è che forse ha ragione. Io vorrei aggiungere però che se gli italiani hanno ottimi motivi per essere arrabbiati, non ne hanno per essere ignoranti: basta infatti quasi sempre una piccola ricerca sul web per accertare in pochi click la verità. Io l’ho fatto, ed ecco – per chi è interessato – quello che ho trovato. Per evitare di copiaincollare il lavoro di un altro, vi rimando a BUTAC, il sito specializzato nello smascherare bufale:  https://www.butac.it/la-tassa-coloniale-dei-paesi-africani-alla-francia/

Come qualcuno di voi sa già, non sono molto tenero con i francesi per via della loro storica politica estera con la quale, insieme ai britannici, hanno contribuito più di altri a creare quelle situazioni in Africa e Medio Oriente di cui i locali, e adesso anche L’Europa, subiscono le conseguenze: ma cerco di rimanere obiettivo e giudicare caso per caso. Se non facciamo così,  il nostro cervello diventa una discarica in cui altri possono riversare tutto quello che gli fa più comodo.

Leggi anche:
Nuove scritte antisemite sui muri di Parigi

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti