Col buonsenso dei nonni, manuale per genitori moderni di Laila Cresta

Col buonsenso dei nonni, manuale per genitori moderni di Laila Cresta
23 marzo 2018

Essere genitori oggi non è affatto facile, presi come siamo dal tran tran quotidiano, dallo stress, dalla tendenza a voler ottenere spesso dimenticando di essere, di rallentare il ritmo e di prenderci importanti momenti per noi e per i piccoli componenti della famiglia che abbiamo scelto di avere. Famiglia che è fondamentale nei primi anni di vita dei bambini, quelli in cui apprendono, capiscono e immagazzinano a livello istintivo tutto ciò che diverrà il loro comportamento nel corso della crescita.

Prof Bertora latinista prem 2014

Laila Cresta, educatrice nella scuola primaria da ben quarant’anni, ci conduce per mano, con linguaggio semplice e immediato, a effettuare un percorso sereno, equilibrato, proprio auspicando un riavvicinamento al metodo con cui ci hanno educati i nostri nonni, per riappropriarci del ruolo di saggi adulti, e sottolineando l’importanza di non considerare i bambini come degli esserini assolutamente non in grado di percepire le nostre ansie e frustrazioni, che spesso si trasformano in lacune e debolezze educative, bensì mantenerci fermi nella posizione di educatori, appunto. Perché è proprio attraverso i nostri cedimenti che potremmo generare un comportamento capriccioso, è in base a quanto siamo in grado di capire il linguaggio istintivo del bambino che possiamo creare lo spartiacque tra ciò che lui esigerebbe e ciò che invece è giusto che riceva, è dal modo in cui agiamo e rispondiamo che stimoliamo la sua curiosità e creatività. Ed è dal modo in cui ci interfacciamo con loro che li spingiamo a fare domande a cui possiamo far seguire una spiegazione che abbia un senso e di conseguenza educarli ad accettare anche il no, perché saremmo in grado di illustrare loro la motivazione a quel diniego. Per l’autrice è molto importante proprio dare, fin dai primi anni di vita, le basi per quella che sarà poi la loro vita in comunità con altri bimbi, dal nido fino alle scuole medie primarie, ed è fondamentale ritornare indietro nel tempo quando un metodo autoritario da parte delle insegnanti non era visto come una mancanza di rispetto nei confronti della sensibilità dei piccoli, quando il pianto non motivato – perché i genitori di un tempo riuscivano a capire con maggiore lucidità quando si trattava solo di capricci -, veniva volutamente ignorato per non far subentrare quel meccanismo automatico che i piccoli sono istintivamente molto bravi a usare come ricatto morale. Il senso di colpa dei genitori moderni per non riuscire a trascorre tanto tempo con i figli, perché presi dagli impegni lavorativi che li tengono lontani per l’intera giornata, li spinge a essere troppo cedevoli, persino a compiangere i figli per gli sforzi che devono fare a scuola, come se fosse un sacrificio enorme per i loro piccoli, dimenticando che invece, come sottolinea Laila Cresta, in molte parti del mondo è un privilegio riservato a pochi e che è il modo migliore per farli crescere, socializzare, apprendere, e uscire dalla campana di vetro sotto cui spesso si tende a volerli tenere. Sdrammatizzare le preoccupazioni, spiegare i perché e lasciare che sbaglino, dice la brava autrice, è fisiologico e funzionale a una crescita equilibrata che completa il compito degli educatori, inducendo il bambino, che all’inizio sarà un po’ recalcitrante, a vedersi considerato come un piccolo adulto che vuole, seppur inconsapevolmente, apprendere l’autonomia, imparare a interagire con i suoi coetanei, sentirsi lodato se fa le cose “per bene” o redarguito se sbaglia. Col buonsenso dei nonni è un interessante vademecum utile a rivedere il ruolo dei genitori, ma anche degli insegnanti, scritto con la saggezza di chi con i bambini ha a che fare da sempre, e che grazie alla lunga esperienza, che le ha permesso di attraversare diverse epoche educative, ha fatto suo un proprio metodo. Laila Cresta spinge le famiglie a riconsiderare alcune abitudini del passato che però sono state capaci di crescere dei grandi adulti, assumendo, senza però mai perdere la gentilezza materna che contraddistingue lei e la sua scrittura, a momenti anche un tono un po’ dissacrante nei confronti delle piccole manie odierne di genitori spesso impreparati o convinti che il loro ruolo non necessiti di una formazione adeguata. L’interessantissimo ebook è suddiviso in capitoli che partono dal momento dell’attesa e dall’importanza già in quella fase di aprire un canale comunicativo con il feto, fino ad arrivare al delicato periodo dell’adolescenza, passando dalla spinta all’indipendenza, al ruolo sociale delle vaccinazioni, dall’incredibile capacità di apprendimento dei bambini che assorbono anche ciò che non immaginiamo, all’importanza del cibo che dovrebbe essere il più vario possibile per dare ai piccoli tutte le sostanze nutritive di cui hanno bisogno per una crescita sana. Col buonsenso dei nonni è un manuale fondamentale per essere genitori oggi, una guida preziosa per prendere con più leggerezza l’ansia di avere un bimbo in casa, e per scoprire quanto, con gli insegnamenti di chi ha cresciuto noi, possiamo essere degli adulti in grado di crescere e far maturare meglio i nostri figli.

 

Col buonsenso dei nonni: Come far crescere i bambini oggi

Laila Cresta

Editore: Delos Digital

Ebook euro 2. 99

https://www.amazon.it/Col-buonsenso-dei-nonni-coriandoli-ebook/dp/B077W2PZRZ/ref=sr_1_10?ie=UTF8&qid=1518879864&sr=8-10&keywords=laila+cresta

Per contattare Laila Cresta:

Laila Cresta

Facebook: Stanza di Erato

Linkedin: “Il Salotto di Erato”

Sito web: www.stanzaerato.com 

Leggi anche:
Beyoncé dopo il Louvre vuole girare un video al Colosseo
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti