Compagni radicali, politici e tanti cittadini comuni. Video della camera ardente di Pannella

Compagni radicali, politici e tanti cittadini comuni. Video della camera ardente di Pannella
20 maggio 2016

Compagni radicali, politici e tanti cittadini comuni, alcuni con una rosa rossa in mano, in fila davanti a Montecitorio per rendere l’ultimo omaggio a Marco Pannella, il grande leader radicale morto il 19 maggio a 86 anni. Il feretro arriva e ad accoglierlo c’è Emma Bonino. La camera ardente allestita nella sala Aldo Moro della Camera dei deputati è stata aperta alle 15.30 e i primi ad entrare sono stati i politici e le cariche istituzionali. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è andato alla camera ardente accompagnato dal presidente del Senato, Pietro Grasso. Al suo arrivo è stato accolto dalla presidente della Camera, Laura Boldrini, e poi insieme sono saliti al primo piano dove si trova la sala Aldo Moro. Qui il capo dello Stato ha rivolto le sue condoglianze alla compagna del leader radicale, Mirella Parachini, e ha salutato anche i due giovani che lo hanno assistito fino all’ultimo, Laura Art e Matteo Angioli. Poco prima di Mattarella insieme a tanti altri politici anche il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha reso il suo omaggio a Pannella. Poi l’arrivo del premier Mattao Renzi e ovviamente una folta delegazione di Radicali. In prima fila anche Francesco Rutelli, i candidati a sindaco di Roma Roberto Giachetti e Giorgia Meloni. La fila per entrare a Montecitorio si è prolungata fino al vicolo adiacente il Palazzo, in via degli uffici del Vicario. La camera ardente resterà aperta fino alle 22, quindi verrà spostata presso la sede dei Radicali a via di Torre Argentina. Moltissimi i cittadini che hanno voluto dare l’estremo saluto a Marco Pannella alla camera ardente.

Leggi anche:
Voto in E. Romagna: ago bilancia o desistenza? M5s decide venerdì

 

LETTERA DI PANNELLA AL PAPA 

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti