Corte Conti contesta danno erariale a Crocetta e Ingroia

18 aprile 2014

La procura della Corte dei Conti contesta al presidente della Regione Rosario Crocetta, al commissario di Sicilia e-Servizi Antonio Ingroia e a sei assessori del governatore (tra quelli in carica e ex) un presunto danno erariale da oltre 2,2 milioni di euro. L’inchiesta e’ coordinata dal procuratore Gianluca Albo. Un “invito a dedurre”, atto formale di notifica dell’avvio di un procedimento, per un danno erariale causato da assunzioni effettuate dalla societa’ Sicilia e-servizi. Gli assessori a cui viene contestato il danno erariale sono: Nelli Scilabra, Patrizia Valenti e Michela Stancheris, agli ex assessori Dario Cartabellotta, Ester Bonafede e Nino Bartolotta. E ancora: il ragioniere generale della Regione Mariano Pisciotta, l’avvocato dello Stato Massimo Dell’Aira e la dirigente del settore Societa’ partecipate della Regione, Rossana Signorino.

Il viceprocuratore Gianluca Albo sta procedendo per il passaggio alla societa’ guidata da Ingroia e responsabile dell’informatizzazione dell’amministrazione regionale, di 74 dipendenti di un’altra societa’, la Sicilia e-servizi venture (Sisev) tra gennaio e febbraio scorsi. Il transito di questi lavoratori avrebbe causato, ipotizza la Procura contabile, un danno erariale perche’ disposto in modo illegittimo.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it

Leggi anche:
Pacchetto fisco, da taglio cuneo alla nuova Imu


Commenti