Cortellesi ironizza: sul set con mio marito bene, a casa male…

Loading the player...
20 giugno 2018

Paola Cortellesi ha ricevuto il premio Nanni Loy (ideato da Antonello Sarno) al Sardegna Festival di Cagliari, nuovo progetto che unisce cinema e televisione, dove è stato proiettato il suo ultimo successo “Come un gatto in tangenziale” (2017), commedia di Riccardo Milani sommersa di premi nell’ultimo anno. “Non lo so, è piaciuto tanto, a tanta gente e questa cosa ce la auguravamo naturalmente. Però così tante persone ci hanno sorpreso, è piaciuto, forse molti si sono ritrovati, molti, forse pochi, nel mio personaggio, molti in quello di Antonio (Albanese) o forse anche in tutti e due, o nei rapporti impossibili che esistono tra ceti sociali opposti, è una storia contemporanea”.

Dopo “Il posto dell’anima” (2003), “Mamma e papà” (2014) e “Scusate se esisto” (2017), questo è il quarto film che vede Cortellesi diretta dal marito Riccardo Milani: “Sul set va bene, è a casa che va male, quando scriviamo si dibatte, ma tutti gli sceneggiatori dibattono. Lavoriamo in gruppo con Giulia Calenda, Furio Andreotti e quindi lavoriamo in armonia, poi però io e lui ci scontriamo tanto, ma è anche bello, il problema è poi restare nella stessa casa, perché se uno si sparpaglia ‘ci vediamo domani alle 9 e ricominciamo’, invece no, noi se qualcosa ti rimane qua, poi prima o poi la tiri fuori. Scherzi a parte è una bella squadra, siamo contenti di stare insieme”. La prima edizione del Sardegna Festival è realizzata da Agnus Dei di Tiziana Rocca, che ne è il direttore generale, in collaborazione con Apt, l Associazione Produttori Televisivi presieduta da Giancarlo Leone, con il sostegno di Forte Village e in collaborazione Uci Cinema e con il patrocinio della Regione Autonoma della Sardegna.

Leggi anche:
Maradona in Bielorussia, presidente del club Dinamo Brest

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti