Dal primo gennaio stop a cotton fioc di plastica non biodegradabili

Dal primo gennaio stop a cotton fioc di plastica non biodegradabili
27 dicembre 2018

Dal primo gennaio 2019 saranno vietati la produzione e il commercio dei bastoncini di plastica per la pulizia delle orecchie: gli unici cotton fioc legali saranno quelli di materiale biodegradabile e compostabile. Le confezioni dovranno, inoltre,riportare l`esplicito divieto di buttarli nel wc. “La prima buona notizia del nuovo anno è frutto del lavoro di denuncia di Legambiente – commenta l’associazione – che da anni spinge per la messa al bando di prodotti in plastica monouso che, se non smaltiti correttamente, possono causare danni all`ambiente e minacciare la fauna marina.

“Il bando dei cotton fioc non biodegradabili e non compostabili – dichiara Giorgio Zampetti, direttore generale di Legambiente – è una grande vittoria per il nostro paese. Possiamo considerarla la prima bella notizia per l`ambiente del 2019, frutto di tante battaglie di Legambiente e di un emendamento alla scorsa legge di bilancio afirma di Ermete Realacci, così come lo stop previsto per il primogennaio 2020 all`uso delle microplastiche nei cosmetici da risciacquo. Auspichiamo che questo primato, come già avvenuto con il bando ai sacchetti di plastica – prosegue Zampetti – venga mantenuto anticipando l`approvazione della direttiva europea sui prodotti di plastica monouso: per questo chiediamo al ministro Sergio Costa di fare approvare nel primo Consiglio dei ministri dell`anno nuovo il disegno di legge Salvamare sulla plastica monouso, tenendo in considerazione i contenuti del progetto di legge sul Fishing for litter presentato alla Camera dei deputati da Rossella Muroni per permettere ai pescatori di fare gli spazzini del mare”.

Leggi anche:
Traffico di droga pilotato dai clan a Catania, 40 arresti

La stessa Agenzia europea per l’ambiente(EEA) ha recentemente fornito i dati raccolti da gruppi di volontari presso le spiagge di quattro mari regionali europei: il Mar Baltico, il Mar Nero, il Mar Mediterraneo e l’Oceano Atlantico nord-orientale. Legambiente ha contribuito al monitoraggio di 1627 spiagge e alla raccolta di 693.259 rifiuti. I cotton fioc rappresentano circa il 4% dei rifiuti censiti sulle spiagge europee. Nel Mar Mediterraneo rappresentano il 5,2% dei rifiuti conteggiati, il dato più alto in confronto ai bastoncini trovati sulle spiagge dell`Oceano Atlantico nord-orientale (4,6% sul tot dei rifiuti), del Mar Baltico (0,75%) e del Mar Nero (0,49%).

In Italia,per avere un`idea della gravità del fenomeno basta considerare che i volontari di Legambiente, negli ultimi cinque anni, hanno monitorato 245 spiagge, censendo 162.936 rifiuti, di cui il 9% è rappresentato proprio dai cotton fioc (14.342), una media di 60 bastoncini di plastica per ogni spiaggia. Sulle nostre spiagge c`è di tutto: blister, tamponi e assorbenti, medicazioni, deodoranti per wc, contenitori per le lenti a contato. Tutti rifiuti buttati nel WC e che hanno raggiunto mare e spiagge, anche a causa di sistemi di depurazione inefficienti. Prevenire è possibile e anche molto semplice: basterebbe usare il cestino.

Al bando dei cotton fioc di plastica non compostabile seguirà, il primo gennaio 2020, quello dei prodotti cosmetici da risciacquo ad azione esfoliante o detergente contenenti microplastiche, anche questo frutto di un emendamento a firma di Ermete Realacci. Una norma che, considerato il primato italiano sui mercati internazionali di settore, sarà di grande impatto sull`innovazione nella produzione di cosmetici e sulla tutela dell`ambiente. Le microplastiche, che sono di dimensioni troppo ridotte per essere trattenute dai sistemi di depurazione e finiscono direttamente in mare, generano un inquinamento incalcolabile e irreversibile. Molti studi confermano che vengono ingerite dalla fauna, assieme alle sostanze tossiche accumulate. Il rischio è anche lo squilibrio della catena alimentare: pesci e molluschi contaminati da plastica e inquinanti possono finire così sulle nostre tavole.

Leggi anche:
Bufera procure, si è dimesso dal Csm il togato Paolo Criscuoli

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti