De Raho: ‘ndrangheta in grado di pagare cocaina anche in bitcoin

Loading the player...
5 dicembre 2018

La ‘ndrangheta è un network criminale globale: è la mafia più potente e pericolosa al mondo non solo leader nel traffico di cocaina ma anche ‘più avanti rispetto agli altri’ nelle capacità finanziarie. Lo confermano anche le imponenti indagini che hanno portato a novanta misure cautelari tra Italia, Europa e Sud America che, per la prima volta, hanno evidenziato che la ‘ndrangheta è in grado di saper utilizzare la criptovalute per pagare grosse transazioni finanziarie illegali.

Leggi anche:
Enzo Bianco si sposa in gran segreto, testimoni Gentiloni e Delrio

I clan di ‘ndrangheta avrebbero voluto pagare in bitcoin una grossa partita di cocaina acquistata in Brasile in ma l’idea è stata bocciata: non per dubbi sull’affidabilità degli acquirenti ma per impreparazione dei venditori a gestire una transazione cosi’ sofisticata. Un elemento riferito dal procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo, Federico Cafiero de Raho per testimoniare il livello raggiunto dall’organizzazione criminale attiva tra Italia, Europa e Sud America smantellata con una mega operazione internazionale di polizia che ha visto investigatori di diversi Paesi in squadre investigative comuni. “E’ la prima volta – ha sottolineato de Raho – che in una indagine di questo tipo fa la sua comparsa la moneta virtuale: a conferma che questi canali digitali rappresentano la nuova frontiera della criminalità”.

I clan della ‘ndrangheta hanno spostato i loro interessi nel Nord dell’Europa dove per loro risulta più agevole ed economicamente vantaggioso procurarsi ingenti quantitativi di cocaina in arrivo direttamente dai paesi produttori sudamericani nei porti di Anversa e Rotterdam. La ‘Ndrangheta “non opera all’estero per necessità, ma si stratifica e si stabilizza fuori dall’Italia perché alcuni paesi sono più appetibili per realizzare i propri disegni criminali”, ha sottolineato il procuratore aggiunto di Reggio Calabria Giuseppe Lombardo.

Leggi anche:
E' morto anche Bartek, l'amico di Megalizzi a Strasburgo

“Le tracce che ricaviamo dalle indagini – ha aggiunto il pm – ci dicono che l’unitarietà della ‘ndrangheta è ancora più rafforzata quando le cosche operano all’estero. E ci dicono che in questo momento la ‘ndrangheta è la componente più forte” tra le organizzazioni criminali, “in grado da sola di gestire l’acquisto di grosse partire di cocaina (tonnellate) a credito senza cioè dover pagare in anticipo. “Quando ci sono grandi affari c’è sempre la ‘ndrangheta”, ha detto il generale dello Scico della Gdf, Alessandro Barbera.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti