Decreto Genova, accordo fatto. Conte: incontro collaborativo con Toti e Bucci

Loading the player...
18 settembre 2018

“Oggi abbiamo fatto moltissimi passi in avanti, ringrazio il governo e la nostra delegazione perché assieme abbiamo parlato veramente bene”. Lo ha detto il sindaco di Genova, Marco Bucci, al termine dell’incontro a Palazzo Chigi sul decreto Genova. “Adesso – ha aggiunto – ritorneremo dentro per aggiungere ulteriori dettagli al decreto ma penso che il decreto verrà fuori molto bene. Sul decreto siamo d’accordo al 99,9% su tutto, anzi forse al 100%”.

CONTE

Soddisfatto anche il premier che ha parlato di “incontro proficuo e collaborativo con il governatore ligure Toti e il sindaco di Genova Bucci”. Tra i partecipanti al vertice, i vicepremier Di Maio e Salvini, il sottosegretario Giorgetti, il viceministro Rixi e il capo della Protezione Civile Borrelli. L`incontro, in pratica, “è servito a valutare e a definire tutti i dettagli delle previsioni che sono inserite nel decreto emergenza” ha spiegato Giuseppe Conte. In particolare , “si è operata un`attenta ricognizione di tutte le azioni che dovranno essere svolte per le opere di ricostruzione e di tutte le misure deliberate per consentire ai cittadini di tornare alla normalità e per rilanciare le attività sociali, economiche e produttive di Genova, che sono state compromesse per effetto del crollo del Ponte”.

TOTI

“Ad oggi si sa che verrà nominato un commissario straordinario che avrà i più ampi poteri – anche in deroga alla normativa vigente – per scegliere e proporre al governo e agli enti locali la via più breve per la ricostruzione del ponte”. Lo ha detto il governatore della Liguria, Giovanni Toti, al termine dell’incontro a Palazzo Chigi sul decreto Genova. “Il commissario arriverà entro 10 giorni dalla pubblicazione del decreto in Gazzetta ufficiale. Siccome immagino che entro sera il decreto sarà sostanzialmente limato e verrà poi pubblicato nei prossimi giorni, verosimilmente i primi giorni della settimana prossima avremo un commissario”.

Leggi anche:
Strasburgo piange le vittime, polizia nei mercatini

Autostrade avrà il ruolo di interloquire con il commissario straordinario, se no non faremo un passo alla volta. Il passo che abbiamo fatto oggi è stato quello di condividere un decreto che divide le competenze tra enti locali e governo centrale a seconda di quello che è giusto che sia”, ha aggiunto Toti. “L’infrastruttura del Ponte Polcevera è statale, oggetto di un concedente statale, di un concessionario statale, riteniamo che sia opportuno e giusto che il governo centrale nomini un commissario, ovviamente in pieno accordo con noi e che si occupi del percorso più breve ed efficiente per demolirlo e ricostruirlo”, ha sottolineato Toti.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti