Delega Telecomunicazioni a M5s, amarezza Berlusconi ma linea FI non cambia

Delega Telecomunicazioni a M5s, amarezza Berlusconi ma linea FI non cambia
Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi
12 giugno 2018

In FI raccontano che Berlusconi sia rimasto molto amareggiato per la decisione di Salvini di non opporsi a Di Maio sulla delega delle telecomunicazioni. Ci e’ rimasto male, viene riferito. Una delusione che, riferiscono le stesse fonti, si somma a quella per le precedenti mosse del leader del Carroccio. Nel partito azzurro la tesi e’ sempre la stessa: c’e’ la conferma che l’esecutivo e’ a traino M5s, che il segretario del partito di via Bellerio ha ceduto a Di Maio i posti ‘chiave’ del governo.

Non c’era – riferiscono fonti parlamentari azzurre – alcun accordo tra Berlusconi e Salvini ma erano arrivate garanzie chiare. “E’ la prova – dice un ‘big’ azzurro – che questo governo non e’ amico”. Il timore nel partito azzurro va al di la’ della volonta’ di Di Maio di tenere per se’ la delega delle telecomunicazioni. La preoccupazione e’ legata piuttosto alla possibilita’ che dopo l’arretramento M5s alle comunali i pentastellati possano fare dell’antiberlusconismo una battaglia identitaria e passare all’attacco con riforme a costo zero, come i provvedimenti sulla giustizia e sul conflitto d’interessi. La strategia forzista comunque per ora non cambia. E’ quella dell’opposizione ‘responsabile’.

Verra’ confermata dallo stesso Berlusconi che sta pensando di fare alcune puntate in alcune citta’ dove si andra’ ai ballottaggi e che domani potrebbe essere a Roma. Ma Forza Italia, riferiscono i ‘big’ azzurri, continuera’ a vigilare sulle mosse del governo. Pronta nel caso a cambiare passo. Intanto nel partito azzurro si continua a discutere dell’annunciato piano di rinnovamento. Una parte dei parlamentari nordisti non vede di buon occhio l’eventuale nomina di Carfagna nel ruolo di coordinatore del partito. In ogni caso il progetto di nominare un vicepresidente (Tajani) e di dare il via libera ad un congresso per i giovani dovrebbe essere illustrato prima dell’estate.

Leggi anche:
Tregua M5s-Lega su dl fisco, ora confronto con Ue e in Parlamento

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti