Di piu’ in affitto, ma canoni bassi

5 febbraio 2014

Le compravendite al palo e le spese crescenti legate all’abitazione hanno rilanciato l’affitto ma i canoni si sono contratti anche nel 2013, dopo il forte tonfo del 2012. Lo rileva uno studio del portale Idealista.it su 12 citta’ campione. I ribassi hanno riguardato 9 centri, con il calo maggiore a Catania dove i prezzi scendono del 10,8% a 6,2 euro al metro quadro, male anche Roma, -4,7% a 13,4 euro al metro quadro, e Milano, -2,4% a 14,3 euro. Forti cali nelle quotazioni anche a Genova, +9,3% a 8 euro, e Palermo, -6,6%, che scende allo stesso livello di Catania a 6,2 euro. Oltre a Roma e Milano, le uniche citta’ dove il metro quadro costa piu’ di 10 euro sono Firenze dove, dopo il calo del 5,3%, il canone medio scende a 11,7 euro, e Venezia, dove invece e’ salito del 5,6% a 11,3. Prezzi in crescita del 2,7% anche a Bari dove raggiungono i 7,7 euro, mentre restano stabili appena sotto i 10 euro a Napoli. Lo studio, che ha monitorato oltre 20 mila immobili, sottolinea che il calo dovrebbe proseguire anche nel 2014 perche’ aumentera’ l’offerta: da quest’anno infatti i proprietari saranno ancor piu’ stimolati a mettere la loro casa sul mercato perche’ all’Imu e alla nuova tassa sui rifiuti si va ad aggiungere l’Irpef per gli immobili non locati con un’ulteriore aggravio per le tasche del contribuente.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi anche:
Scontro nella maggioranza su manovra. Conte sbotta: "Chi non fa squadra, fuori"

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti