Disuguaglianze, ricchi sempre più ricchi

Loading the player...
22 gennaio 2018

Una piccola élite con enormi fortune a fronte di centinaia di milioni di persone che lottano per la sopravvivenza con salari da fame. Sono sempre più estreme le disuguaglianze economiche secondo quanto denuncia il nuovo rapporto di Oxfam diffuso alla vigilia del Forum mondiale di Davos. Dati allarmanti, secondo cui tra il marzo 2016 e il marzo 2017, l’82% dell’incremento di ricchezza netta è andato all’1% più ricco della popolazione globale, mentre a 3,7 miliardi di persone, che costituiscono la metà più povera del mondo, non è arrivato un centesimo. Il rapporto, “Ricompensare il lavoro, non la ricchezza” evidenzia come in un anno il numero di miliardari sia aumentato al ritmo di 1 ogni 2 giorni e come su scala globale, tra il 2006 e il 2015 la ricchezza a nove zeri sia cresciuta del 13% all’anno, 6 volte più veloce dell’incremento annuo salariale, di appena il 2%, che ha riguardato i comuni lavoratori. Negli Stati Uniti un amministratore delegato può percepire in poco più di 1 giorno una cifra pari al reddito medio che un lavoratore della compagnia da lui amministrata percepisce in 1 anno.

Leggi anche:
Iran, dialogo con Russia: lo Spief in pillole

Numeri spaventosi, se si pensa che con un terzo del volume dei dividendi versati nel 2016 agli azionisti dei 5 principali marchi mondiali dell’abbigliamento sarebbe possibile garantire a 2,5 milioni di vietnamiti impiegati nel settore un salario dignitoso. Tra le ragioni principali di queste disuguaglianze, la corsa alla riduzione del costo del lavoro, la negligenza verso i diritti dei lavoratori, la drastica limitazione del loro potere di contrattazione nel mercato globale e i processi di esternalizzazione. Peggio ancora per le lavoratrici: in tutto il mondo guadagnano meno degli uomini, operando frequentemente in ambiti sottopagati e privi di sicurezza. E l’Italia non sta meglio: a metà del 2017 il 20% più ricco degli italiani deteneva oltre il 66% della ricchezza nazionale netta.

Leggi anche:
In 10 anni boom di multe, ma in pochi pagano

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti