E’ polemica sui ‘vu cumprà’. Caritas, Pd… tutti contro Alfano

11 agosto 2014

Scoppia la polemica sulle dichiarazioni del ministro dell’Interno Angelino Alfano contro i ‘vu cumprà’ presenti sulle spiagge italiane. Presentando l’operazione “Spiagge sicure” contro i venditori ambulanti, il ministro ha detto: “Credo che tutti gli italiani siano parecchio stanchi di essere insolentiti dai ‘vù cumprà’ nelle spiagge. Ecco perchè abbiamo lanciato l’operazione spiagge sicurè’. “Oggi – ha aggiunto Alfano – si fa un passo forte contro la contraffazione, per dire con grande chiarezza che noi siamo stanchi di vedere il nostro diritto al ‘made in Italy’ violato da venditori di merce contraffatta. Chiediamo anche la collaborazione delle polizie locali e della capitanerie di porto. Il nostro obiettivo è rafforzare la lotta alla contraffazionè’.
“Questo è un giorno – ha poi detto il ministro – che noi dedichiamo a tutti gli italiani che vanno in vacanza, senza dover essere molestati, ai quei commercianti in regola che pagano le tasse e agli imprenditori che mandano avanti il ‘made in Italy’. A loro diciamo che il Governo è vicino anche nel periodo di Ferragostò’. “Il prossimo 15 ottobre – ha annunciato inoltre il ministro – ci sarà una verifica per fare il punto sull’attuazione della direttiva. Dobbiamo radere al suolo il meccanismo della contraffazionè’. “Questa direttiva – ha concluso Alfano – è un di più rispetto ai grandi risultati già raggiunto. Adesso vogliamo innescare il ‘turbò nella lotta alla contraffazione”.

Leggi anche:
Sindaco Catania lascia Forza Italia: in Sicilia guida inadeguata

Immediata la replica su Twitter del deputato Pd Dario Ginefra, che ha biasimato Alfano per le sue parole. Sul social media Ginefra ha scritto: “Gli ambulanti immigrati per Alfano sono vu cumprà? Tolleranza zero per le espressioni a sfondo razzista, prima che per le vendite in spiaggia” Alfano ha detto di aver firmato una direttiva, rivolta a tutti i prefetti, affinché siano rafforzati i controlli sulle spiagge contro la vendita di merci contraffatte.

In campo contro il ministro anche la Caritas.”Purtroppo, abbiamo sentito nelle parole di Alfano usare nuovamente termini che pensavamo ormai desueti e passati. Certamente, il tema dell’abusivismo e di tutto quello che gira intorno al lavoro irregolare, in alcuni casi lavoro in nero, chiaramente e’ un problema ma non solo dei lavoratori migranti – afferma Oliviero Forti, responsabile immigrazione di Caritas italiana -. È un tema generalizzato che riguarda l’Italia ed in particolare in un momento di crisi che affligge un po’ tutte le categorie piu’ vulnerabili. Quindi, io spero che nelle parole di Alfano ci sia soprattutto l’intenzione di affrontare in sede di governo il tema del lavoro che, ripeto, riguarda sia gli italiani che gli stranieri”. Anche i Verdi si scagliano contro Alfano per bocca del portavoce, Angelo Bonelli: ”Il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, in cerca di visibilità e per strappare qualche titolo di giornale si dedica a sparate senza senso”.

Leggi anche:
Consiglio dei ministri in Calabria per il Sud, ma il caso Siri lo insegue
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti