Famiglia povera, concittadini ristrutturano casa fatiscente in Puglia

Famiglia povera, concittadini ristrutturano casa fatiscente in Puglia
24 dicembre 2018

Una storia di solidarieta’ autentica viene da Melendugno, nel Salento, dove la comunita’ locale si e’ mobilitata per ristrutturare e mettere in sicurezza la casa pericolante e fatiscente in cui vive una famiglia povera di ex pastori. L’iniziativa e’ nata spontaneamente nelle scorse settimane, dopo una segnalazione giunta ai vigili urbani. La casa era puntellata e in precarie condizioni igienico sanitarie e malgrado cio’ ci vivevano sei persone, alcune delle quali con disabilita’.

“Non c’e’ stato nulla di organizzato, nessuna raccolta fondi, ma solo spontanee iniziative dei cittadini – racconta all’Agi il sindaco di Melendugno, Marco Poti’ – che hanno messo a disposizione cio’ che serviva. Il muratore ha offerto manodopera e materiali e lo stesso ha fatto l’idraulico, l’imbianchino e l’elettricista”. Un assessore comunale che svolge l’attivita’ di geometra ha fatto gratuitamente da direttore dei lavori e un consigliere comunale che fa l’avvocato ha seguito alcune pratiche legali della famiglia. Il Comune ha coordinato tutta la fase della ristrutturazione, a cominciare dai lavori di rifacimento del solaio.

“La casa era davvero malridotta e la famiglia che ci vive e’ afflitta da una grave situazione di disagio economico e sociale – aggiunge il sindaco – Le pareti dell’abitazione erano piene di umidita’, i sevizi igienici in condizioni molto precarie. Ma la cosa piu’ bella e’ che mi telefonano persone anche da altri paesi pronte a contribuire, anche inviando soldi con vaglia postali. E’ una bella storia di solidarieta’ spontanea che speriamo possa servire da esempio per risolvere tante altre situazioni di degrado e sofferenza che affliggono la nostra societa’”.

Leggi anche:
A Lampedusa approdano direttamente 45 migranti. Per il governo, i porti sono chiusi
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti