Federer e Nadal ok, azzurri li imitano

Federer e Nadal ok, azzurri li imitano
Fabio Fognini
16 gennaio 2019

Tutto secondo pronostico agli Open d’Australia di tennis, torneo d’apertura dello Slam nella rovente Melbourne. Roger Federer si e’ qualificato per il terzo turno, imitato da Rafa Nadal: lo svizzero si e’ sbarazzato in 2h35′ – con il punteggio di 7-6 (7-5), 7-6 (7-3), 6-3 – dell’inglese Daniel Evans. Lo spagnolo, invece, ha battuto l’australiano Matthew Ebden per 6-3, 6-2, 6-2. Dopo John Isner torna a casa il sudafricano Kevin Anderson, testa di serie n.5, battuto in quattro set da Frances Tiafoe (4-6, 6-4, 6-4, 7-5).

Procede spedito, invece, Marin Cilic, che ha sconfitto lo statunitense Mackenzie McDonald per 7-5, 6-7, 6-4, 6-4. Ottime notizie arrivano dal fronte azzurro, visto che sono gia’ due gli azzurri qualificati per il terzo turno: Andreas Seppi e Thomas Fabbiano, che aspettano a questo punto l’exploit di Fabio Fognini, domani in campo. La vittoria piu’ esaltante l’ha conquistata proprio Fabbiano, 29 anni, di San Giorgio Jonico (Taranto), n.102 dell’Atp, alla terza partecipazione al Major australiano, dove non aveva mai superato il primo turno.

Il tennista pugliese si e’ imposto per 6-7 (10-5), 6-2, 6-4, 3-6, 7-6 (10-5), dopo 3h32′, sullo statunitense Reilly Opelka, alto 211 centimetri, n.97 del ranking e giustiziere di Isner. Fabbiano, di 38 centimetri piu’ basso dell’avversario, e’ apparso un gigante al cospetto del tennista a stelle e strisce, interrompendo il suo cammino. Prosegue a gonfie vele anche l’avventura di Andreas Seppi: il 34enne di Caldaro (Bolzano), n.35 dell’Atp e reduce dalla finale di Sydney persa contro De Minaur, ha sconfitto agevolmente al secondo turno l’australiano Jordan Thompson, n.72 del ranking e mai oltre il secondo turno dello Slam di casa: di 6-3, 6-4, 6-4 in 1h54′.

Leggi anche:
Inzaghi: "Bene vittoria. Champions? Nulla è perduto"
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti