Flixbus in Italia da 3 anni, 10 mln passeggeri e 300 destinazioni

Loading the player...
5 luglio 2018

Oltre dieci milioni di persone trasportate, più di 300 città collegate e oltre 1.500 posti di lavoro creati in tre anni nelle 60 aziende partner, più 70 interni. Sono i traguardi raggiunti da Flixbus in Italia, la società tedesca che ha rivoluzionato il mondo delle autolinee extraurbane in Europa senza possedere neanche un pullman.

Una formula apprezzata anche in Italia, secondo mercato su 28 dopo la Germania, ma primo per rapidità della crescita, come evidenzia Andrea Incondi, amministratore delegato di Flixbus Italia. “La nostra forza – ha detto – è stata quella di portare tecnologia e digitalizzazione in un settore che era prevalentemente tradizionale. La seconda è stata il nostro modello di collaborazione. Noi infatti collaboriamo con tante aziende del territorio, aziende italiane che si occupano del servizio operativo di tutte le nostre linee”.

Flixbus ci mette la propria piattaforma tecnologica e organizza la pianificazione della rete, il marketing, la politica dei prezzi, la gestione della qualità e il servizio al cliente. “Il nostro obiettivo è continuare a estendere il nostro network di linee e collegare sempre più città con l’autobus, però anche guardando cosa sta accadendo negli altri mercati di Flixbus abbiamo, per esempio, cominciato a collegare città con autobus elettrici. È successo in Francia e in Germania. In quest’ultimo Paese abbiamo lanciato anche le prime linee di treno, i Flixtrain, con lo stesso modello di collaborazione che abbiamo col bus”.

Leggi anche:
Pioggia su Parigi: messe in sicurezza alcune statue di Notre Dame

Per fare tutto questo l’azienda chiede al governo meno burocrazia, maggiore apertura alle nuove idee e promozione della giovani imprese che lavorano con nuove tecnologie. Primi tasselli di un manifesto per la smart economy che Flixbus vorrebbe scrivere insieme ad altri protagonisti dell’innovazione in Italia.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti