Fondi russi, per Savoini invito a comparire oggi davanti ai magistrati

Fondi russi, per Savoini invito a comparire oggi davanti ai magistrati
Gianluca Savoini
15 luglio 2019

Gianluca Savoini, il leghista presidente dell’associazione LombardiaRussia indagato nell’inchiesta della procura di Milano per corruzione internazionale, ha ricevuto un invito a comparire per l’interrogatorio nel pomeriggio davanti ai pm. L’invito a comparire e’ stato notificato a un avvocato d’ufficio ma nel frattempo ha nominato un legale di fiducia. Stamani, infatti, un avvocato si e’ presentato nell’ufficio di uno dei pm titolari dell’inchiesta, coordinata dall’aggiunto De Pasquale e dai colleghi Sergio Spadaro e Gaetano Ruta, dato che aveva ricevuto una nomina d’ufficio per assistere Savoini, convocato in Procura per oggi pomeriggio con invito a comparire e con contestuale informazione di garanzia con l’accusa di corruzione internazionale.

Oggi, pero’, il legale ha appreso che il leghista, nel frattempo, ha nominato un difensore di fiducia. In linea teorica, Savoini, da indagato e invitato a comparire, potrebbe anche decidere di non rispondere alle domande dei pm. In mattinata per circa due ore l’aggiunto e i due pm si sono riuniti per fare il punto dell’indagine. Oltre a Savoini, inquirenti e investigatori della Gdf, che stanno pensando pure a una rogatoria e ad accertamenti su flussi di denaro Russia-Italia, dopo le opportune verifiche e procedure di identificazione, di certo convocheranno, o come persona informata sui fatti o come indagato, colui che ha affermato di essere il “banchiere Luca” di cui si parla nella registrazione e cioe’ il secondo italiano presente al Metropol.

Si tratta di Gianluca Meranda, avvocato con simpatie per Matteo Salvini, che dice di aver incontrato “in occasioni pubbliche” e di aver visto piu’ volte anche Savoini. Nella lista delle persone da ascoltare non e’ escluso possa esserci pure Claudio D’Amico. Si tratta del “consigliere per le attivita’ strategiche di rilievo internazionale del vicepresidente Salvini – ha spiegato ieri in una nota Palazzo Chigi dopo una serie di verifiche – il quale, tramite l’Ufficio di vicepresidenza” avrebbe “sollecitato” l’invito di Savoini al Forum Italia-Russia, “in virtu'” del suo ruolo di presidente dell’associazione Lombardia-Russia e ha chiesto ai funzionari del premier di inoltrarlo “agli organizzatori del Forum”.

Leggi anche:
Il 27 settembre torna la Notte europea dei ricercatori
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti