Forfora e inverno: perché aumenta con il freddo e come combatterla con l’alimentazione

Forfora e inverno: perché aumenta con il freddo e come combatterla con l’alimentazione
25 gennaio 2019

La forfora è uno di quei problemi che nessuno vorrebbe mai avere, soprattutto per via dell’imbarazzo che è in grado di provocare. Molto spesso vedendola dall’esterno si tende a pensare che questa sia causata da una cattiva igiene personale, quando invece nella maggioranza dei casi non è così. Va poi detto che in inverno questa patologia può aumentare a causa del freddo, assumendo un contorno ancor più pesante per la psiche.

Le statistiche sull’incidenza della forfora in Italia

Secondo gli studi condotti dall’Università di Bologna, in Italia il 50% dei giovani maschi italiani soffre di forfora: un problema che non lascia in pace nemmeno la popolazione femminile, sebbene sia in genere meno colpita di quella maschile, visto che l’incidenza di questo disturbo scende di 10 punti percentuali (dal 50% al 40%).

Inoltre, la percentuale aumenta se si considerano gli uomini compresi in una fascia d’età che va dai 18 anni ai 30 anni: un fatto importante, visto che in questa età il peso psicologico della forfora può avere un impatto notevole sul giovane individuo.

Fra le altre cose, come accennato poco fa, il problema della forfora tende a farsi più insistente in inverno: intanto perché alcune persone tendono a lavare meno i capelli e in questo caso il problema diventa a tutti gli effetti di natura igienica, qui però bisogna anche ricordare di non esagerare con la temperatura dell’acqua sotto la doccia.

In realtà la causa principale dell’aumento di attacchi di forfora in inverno è data dalle condizioni atmosferiche: il vento, il freddo e la pioggia possono stressare il cuoio capelluto e portarlo verso questa condizione cutanea. I continui sbalzi di temperatura, difatti, possono causare un indebolimento del cuoio capelluto e la comparsa di forfora anche in quei soggetti che di norma non soffrono di questo problema.

Soprattutto in questa stagione, dunque, si dovrebbe prevenire questo disturbo utilizzando un prodotto antiforfora come lo shampoo Bioscalin. Prodotti come questo si rivelano adeguati in quanto igienizzano il cuoio capelluto, e intervengono efficacemente sulle aree affette da desquamazione.

Combattere la forfora con l’alimentazione

Da un lato i prodotti come gli shampoo con le proprietà viste poco sopra si rivelano determinanti, dall’altro conviene sempre ricorrere anche ad altre strade. Una di queste riguarda l’alimentazione: la dieta risulta essere quasi fondamentale per trattare con successo la forfora. Premesso che le cause di questo disturbo andrebbero sempre indagate rivolgendosi ad uno specialista, i cibi possono comunque dare una mano.

In primo luogo si consiglia di evitare tutte le fritture e gli alimenti molto grassi, come ad esempio gli insaccati. Anche i cibi da fast food andrebbero evitati, così come i piatti pronti e la panna. Passando agli alimenti da preferire, al primo posto troviamo tutti i tipi di frutta e verdura ottime per la salute del cuoio capelluto e dei capelli, per via dei minerali e delle vitamine. Fra i migliori elementi antiforfora troviamo l’allicina (aglio), la vitamina B, i grassi Omega 3 e 6 (pesce) e gli antiossidanti (contenuti anche nel tè verde). Insomma, in inverno un problema come la forfora può farsi parecchio imbarazzante: meglio approfittare dei consigli visti oggi e agire per tempo.

Leggi anche:
Vita da spiaggia, cibi leggeri e nutrienti nella borsa frigo

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti