Dà fuoco allo zio ma rimane gravemente ustionato. Arrestato giovane romeno

Dà fuoco allo zio ma rimane gravemente ustionato. Arrestato giovane romeno
16 giugno 2017

Un rom romeno di 22 anni è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale di Parma dopo essersi ustionato dando fuoco allo zio 35enne ieri sera a Milano. Anche lo zio è stato trasportato all’ospedale Niguarda ma in condizioni che non destano preoccupazione. Il 22enne si trova attualmente in stato di arresto con l’ipotesi di tentato omicidio. Secondo quanto ricostruito dalla polizia, intorno alla mezzanotte di ieri il 22enne si sarebbe recato nella cascina abbandonata in via Piombino nel quartiere Quarto Oggiaro del capoluogo lombardo, probabilmente per vendicarsi contro il 35enne che lo avrebbe “infamato” nel corso di alcune discussioni. Non è chiaro di cosa lo avrebbe accusato l’uomo che solitamente vive in Germania ma che da qualche giorno si era stabilito con alcuni dei suoi famigliari nella cascina al confine con il parco di villa Scheibler, dove il nipote vive con la sorella e la madre. Dopo aver versato il liquido addosso allo zio e aver acceso la fiamma, il 22enne è stato investito dalla fiamma di ritorno riportando ustioni di secondo grado al braccio destro e al viso, e serie complicazioni all’apparato respiratorio.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it

Leggi anche:
Il progetto pilota per pulire i fiumi parte da Torino


Commenti