Gassmann e Crescentini raccontano “I Bastardi di Pizzofalcone 2”

Loading the player...
27 settembre 2018

Dopo il successo della prima serie, dall’8 ottobre su Rai1 arriva la seconda stagione de “I Bastardi di Pizzofalcone”, con un anteprima su Rai Play il primo ottobre. La fiction in sei serate, tratta dai romanzi di Maurizio de Giovanni, in questa seconda serie ha alla regia Alessandro D’Alatri e vedrà ancora il commissario Lojacono-Alessandro Gassmann e gli altri agenti del commissariato impegnati in una serie di nuovi misteri e delitti da risolvere, con Napoli sullo sfondo. Tra molte conferme e alcune new entry nel cast.

Gassmann e Carolina Crescentini, che torna nel ruolo di Laura Piras, hanno raccontato in anteprima le novità dal 70esimo Prix Italia, a Capri: “Grandissime sorprese e nuovi personaggi, sei casi nuovi da risolvere, il nuovo regista Alessandro D’Alatri che ha fatto un lavoro immenso”. “La prima serie ha avuto un successo straordinario e sono convinto che questa seconda, per chi ha amato la prima serie, faccia un passo avanti, siamo molto fieri del lavoro fatto”. Non solo omicidi, però, anche vita privata, difficoltà ed equivoci. “Vite private sempre più complesse, rapporti contorti ma belli e veri”. “Sono personaggi e protagonisti pieni di difetti ma è il loro pregio maggiore”.

E in questa seconda stagione si scava di più nella psicologia dei personaggi. “Sono tutti crimini complessi a livello psicologico, a volte a prescindere dal fatto che la legge dice una cosa era difficile essere al di sopra della legge, a volte l’assassino di turno ha fatto un percorso logico, mettiamola così, poi che non si debba fare è un altro discorso…”. Ma sulla storia d’amore tra i due non anticipano molto: “Diciamo che è un rapporto conflittuale forte, di grande passione, come tutti i rapporti nascono dei problemi ma non posso rivelare se la cosa si risolve bene o male, si risolverà.. Lo dovete vedere…”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti