Germania, accordo per un nuovo governo. Merkel: Ue verso svolta. E porge la mano a Macron

Loading the player...
12 gennaio 2018

Accordo per un nuovo governo in vista in Germania: la maratona negoziale durata oltre 24 ore tra i cristiano-democratici (Cdu) affiancati dagli affiliati bavaresi della Csu e i social-democratici (Spd) ha fruttato un’intesa di principio che dovrebbe permettere ad Angela Merkel di restare al potere. Questo primo accordo deve essere vidimato oggi dai vertici dei tre partiti, ma i principali ostacoli sembrano essere stati superati. Secondo il quotidiano Bild, la svolta è arrivata quando il fronte conservatore ha ceduto sulla questione dei contribuiti assicurativi per la copertura sanitaria, la più pressante delle richieste del leader della Spd, Martin Schulz, che già aveva faticato ad accettare di trattare per una nuova Grande Coalizione. In sostanza, sarebbe passato il ritorno al sistema per cui i contributi verranno pagati in modo uguale dal lavoratore e dal datore di lavoro. In cambio, i socialdemocratici avrebbero accettato un compromesso sulla questione dei migranti, ovvero un tetto di 200mila ingressi l’anno per i nuovi rifugiati. Secondo le indiscrezioni raccolte dall’agenzia Dpa, inoltre, i ricongiungimenti familiari permessi saranno nell’ordine dei 1.000 mensili, con un “rallentamento” che va incontro alle richieste della bavarese Csu. Alla luce di questo sofferto accordo a circa quattro mesi dalle elezioni, con i socialdemocratici di Martin Schulz per un nuovo governo in Germania, la cancelliera tedesca Angela Merkel ha promesso oggi un “nuovo inizio” in Europa. “Il mondo non ci aspetta, abbiamo bisogno di un nuovo inizio in Europa”, ha detto la cancelliera, promettendo che la Germania “troverà soluzioni con la Francia” per raggiungere questo obiettivo.

Leggi anche:
"Il Cara di Mineo va chiuso". Ma il centro accoglienza è ancora lì

Insomma, in Germania rinasce la Grosse Koalition. La soluzione che in campagna elettorale nessuno voleva ma che si e’ resa necessaria dopo il risultato delle elezioni dello scorso settembre. L’annuncio della riuscita delle trattative tra Cdu ed Spd e’ stato dato questa mattina, quando gia’ si pensava che si dovesse procedere ad oltranza per evitare un nuovo ricorso alle urne: un vero e propri shock per un paese abituato alla piu’ rassicurante stabilita’. La Grande Coalizione ha gia’ diversi precedenti, e questo la rende senz’altro piu’ appetibile. L’intesa, ancora non definitiva, e’ tutta condensata in 28 pagine di documento che gli sherpa dei due partiti principali hanno messo nero su bianco e continueranno a limare nei prossimi giorni. Altri punti del compromesso che sembra aprire la strada alla formazione di un nuova Grosse Koalition sono il mancato aumento della massima aliquota di imposta, contrariamente a quanto chiedeva l’Spd. C’è anche un accordo di principio sull’obiettivo di rafforzare l’eurozona, come documentato via Twitter da una deputata Cdu, Dorothee Bär, che ha postato una foto del protocollo di intesa. “Sapevamo che avremmo dovuto scendere a compromessi” ma “abbiamo raggiunto risultati eccellenti”, è stato il primo commento di Schulz.

Leggi anche:
Gentiloni: mi candido ma rispetterò impegni Governo

Con il nulla osta delle istanze dirigenti dei tre partiti il compromesso raggiunto dovrebbe permettere alla prima economia europea di uscire dall’impasse a tre mesi e mezzo dalle legislative. E assicurare a Merkel un quarto mandato dopo dodici anni al potere. Ma nulla è ancora definitivo. Sul versante social-democratico, la decisione di entrare in un nuovo governo di coalizione con i conservatori deve ottenere anche il via libera dei delegati di partito al congresso straordinario del 21 gennaio, dall’esito difficilmente prevedibile. Poi saranno avviati negoziati dettagliati per un programma di coalizione: nel migliore dei casi, a Berlino non ci sarà un governo prima della fine di marzo. Il leader dei cristiano-sociali bavaresi, Horst Seehofer: “Credo che che riusciremo a formare un governo entro Pasqua a condizione che il congresso dell’Spd dia il suo consenso e che sia mantenuta la velocita’ che abbiamo raggiunto durante questi colloqui esplorativi”. Il suo partito, ha aggiunto Seehofer, ha condiviso l’accordo all’unanimita’. “L’intesa tra #Merkel e #Schulz getta le basi per un governo di coalizione in Germania. Una buona notizia per l’Europa”. Lo scrive su Twitter il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

Leggi anche:
È morto Paul Bocuse, il "Papa" della gastronomia francese

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti