Giappone, quasi un milione di bambini e ragazzi sono dipendenti da internet

Giappone, quasi un milione di bambini e ragazzi sono dipendenti da internet
31 agosto 2018

Sono quasi un milione i bambini e i ragazzi giapponesi che presentano una dipendenza da internet. Questa stima è stata elaborata dal Ministero della Salute, del Lavoro e del Welfare nipponico, sulla base di una rilevazione che ha coinvolto molte scuole medie inferiori e superiori.

Il numero stimato è, più precisamente, di 930mila ed è quasi il doppio di un’analoga stima che era stata preparata nel 2013 e che si era fermata a 510mila. Questa situazione preoccupa il ministero, perché la dipendenza dai servizi online – in particolare dai giochi – ha degli effetti importanti sulla socialità e sulla salute dei giovani. La ricerca ha anche evidenziato che le studentesse hanno superato i maschi per numero e che i principali servizi responsabili di questo boom sono i giochi via smartphone e i social network.

Leggi anche:
Avvocati e giuristi bocciano la prescrizione, ok Anm ma riforma ampia

Lo studio ha dimostrato che il 10,6 per cento degli studenti di scuola media inferiore e il 14,3 per cento delle studentesse utilizza internet in maniera ossessiva. Tra gli studenti delle superiori, il dato è 13,2 per cento per i ragazzi e 18,9 per cento per le ragazze. La maggioranza delle persone dipendenti da internet ha, più specificamente, una dipendenza dai giochi. La dipendenza dai videogame ha effetti importanti sullo stile di vita e sulla salute delle persone. L’Organizzazione mondiale della sanità ha recentemente rivisto la sua Classificazione internazionale delle patologie per la prima volta in 28 anni, aggiungendo anche la dipendenza dai giochi tra le dipendenze comportamentali. La nuova classificazione sarà valida dal 2022.

Le caratteristiche della persona dipendente dai giochi includono la mancanza di controllo del tempo passato davanti ai videogame, la priorità data ai giochi rispetto alle altre attività quotidiana, il fare dei videogame il fulcro della propria stessa vita per lunghi periodi di tempo. Talvolta questa forma di dipendenza può essere collegata a uno stile di vita di reclusione in casa, che è indicato come “hikikomori” e che è considerato come una malattia a sua volta.

Leggi anche:
Istituzioni in campo a difesa della stampa, Mattarella: libertà è valore

Il Giappone non è l’unico paese dell’Asia orientale a trovarsi ad affrontare questo tipo di epidemia. Lo scorso anno un ragazzo dello Zhejiang, in Cina, è stato portato in ospedale per aver passato quattro giorni di seguito davanti ai videogame senza mangiare, bere o andare al bagno. A Taiwan un uomo di 32 anni è stato trovato morto in un internet café dove era entrato tre giorni prima per giocare. Ma il caso più raccapricciante è quello di otto anni fa in Corea del Sud: una coppia ha fatto morire di fame la figlioletta di tre anni, perché troppo occupata a nutrire via computer una figlia virtuale. askanews

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti