Giro: tappa allo spagnolo Pello Bilbao, Conti in rosa

Giro: tappa allo spagnolo Pello Bilbao, Conti in rosa
Pello Bilbao
17 maggio 2019

Lo spagnolo Pello Bilbao, Astana Team, ha vinto la 7a tappa del Giro d’Italia, la Vasto-L’Aquila di 180 chilometri. Lo spagnolo ha tagliato il traguardo del capoluogo abruzzese in 4 ore 6’27” precedendo il francese Tony Gallopin, team AG2R La Mondiale, terzo Davide Formolo, Bora-Hansgrohe. La maglia rosa resta sulle spalle di Valerio Conti, Uae Team Emirates. Valerio Conti, dunque, resta in maglia rosa, difendendosi col coltello fra i denti, Davide Formolo prova a vincere la tappa, ma alla fine deve arrendersi allo spagnolo Pello Bilbao, piazzandosi al terzo posto.

“Ero il piu’ forte fra i corridori in testa – osserva il veronese – ma i miei avversari se ne sono accorti e mi hanno marcato stretto. Hanno approfittato della mia condizione, del fatto che chiudevo su ogni tentativo. Quando e’ partito Bilbao pensavo che qualcun altro chiudesse, invece lo hanno lasciato andare. A un chilometro dalla fine ho rischiato il tutto per tutto: sono andato in progressione, ma non c’e’ stato nulla da fare. Pero’, mi consolo con il fatto che ho guadagnato 1′ in vista della cronometro di dopodomani a San Marino”.

Per Pello Bilbao e’ arrivata la vittoria piu’ importante della carriera – almeno fino a questo momento – dopo una tappa tutta d’un fiato, che gli atleti hanno affrontata a tutta. “Sono felice. Nel tratto finale ho guardato in faccia i miei avversari, Formolo era l’uomo da battere, si e’ preso la responsabilita’ di rispondere a una serie di tentativi, quindi sono partito – il racconto del 29enne corridore basco -. Ho guadagnato subito il margine giusto per conquistare il successo. Il Giro d’Italia e’ una corsa speciale per me, da tanto tempo andavo a caccia di una vittoria in un grande Giro”.

Leggi anche:
Mondiale donne: Italia scrive storia, Cina ko e vola ai quarti

Chi invece non ha esultato oggi e’ Fernando Gaviria, che ha deciso di fermarsi, rinunciando alle ultime chance per i velocisti, dopo una cinquantina di chilometri “Ho sofferto fin dall’inizio, il ginocchio sinistro mi faceva male da alcuni giorni, ma avevo stretto i denti e proseguito – le parole del colombiano della UAE Emirates -. Non riuscivo a spingere bene sui pedali, non potevo andare avanti. E’ un vero peccato, perche’ stavamo andando bene nelle volate ed eravamo pronti a giocarci il successo in altre tappe. Ora mi riposero’, cerchero’ di curarmi e di pensare ai prossimi obiettivi”. Domani l’ottava tappa, la Tortoreto Lido-Pesaro di 239 chilometri.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti