Italiani più a rischio Ictus: L’esperta: “Colpa anche dieta mediterranea”. Solo il farmaco non basta

Italiani più a rischio Ictus: L’esperta: “Colpa anche dieta mediterranea”. Solo il farmaco non basta
29 ottobre 2017

Quasi 200mila casi l’anno solo in Italia, di cui il 20% non sopravvive, e 50mila persone che devono convivere con gravi disabilita’. Sono i numeri dell’ictus, la terza causa di morte, la prima causa di disabilita’ nell’adulto e la seconda causa di demenza a livello mondiale, di cui oggi si celebra la giornata mondiale. Malgrado in Italia, come negli altri paesi europei, il tasso di mortalita’ sia diminuito negli anni, il nostro Paese rimane tra i piu’ a rischio per questa patologia, come spiega Simona Giampaoli, del dipartimento Malattie cardiovascolari, dismetaboliche e dell’invecchiamento dell’Istituto Superiore di Sanita’. “L’Italia e’ un Paese ad elevato rischio di ictus – spiega l’esperta – sia per la sopravvivenza piu’ elevata rispetto ad altri Paesi (l’ictus colpisce in eta’ piu’ avanzata rispetto alla cardiopatia ischemica), sia per alcune caratteristiche comportamentali”. Nel mirino paradossalmente la dieta mediterranea, che da sempre la medicina indica come un regime alimentare sano ed equilibrato. Una dieta pero’, sottolinea Giampaoli, “caratterizzata da un elevato consumo di sale, fattore non indifferente nello sviluppo di ipertensione arteriosa, di malattie cardio-cerebrovascolari, di patologie renali, di tumori del tubo digerente, di osteoporosi”. Inoltre alcune condizioni che si ritrovano piu’ frequenti in eta’ avanzata sono riconosciute come predittori dell’ictus (per esempio, la fibrillazione atriale, l’ipertrofia ventricolare sinistra, lo spessore medio-intimale delle arterie, l’infarto del miocardio).  Tutti fattori che e’ fondamentale conoscere, perche’ l’ictus non e’ una condanna inevitabile: “La ricerca epidemiologica – conferma l’esperta – ha dimostrato che piu’ del 50% degli eventi puo’ essere prevenuto e, considerando le dimensioni epidemiologiche di questa patologia, l’impatto socio-economico e le sue conseguenze in termini di mortalita’, disabilita’ e disturbi della capacita’ cognitiva, diventa fondamentale implementare azioni di prevenzione a livello di popolazione generale, sia sulle persone ad elevato rischio e su coloro che hanno gia’ avuto un evento”.

Leggi anche:
Cuffaro: "Dell'Utri? Lo capisco. Non mi hanno permesso di vedere mia madre"

Allora cosa fare? “Per coloro che gia’ hanno avuto un evento cardiovascolare o soffrono di episodi di fibrillazione atriale esistono oggi terapie molto efficaci che permettono di vivere con una buona qualita’ di vita; tutti questi trattamenti pero’ sono piu’ efficaci e ci permettono di vivere meglio se accompagnati da stili di vita sani. E’ stato osservato ad esempio che persone che hanno episodi di fibrillazione atriale, durante i mesi estivi registrano meno episodi, cosi’ come durante i fine settimana. Un andamento che rispetta l’aumento del movimento: in estate, come durante i fine settimana si tende a svolgere piu’ attivita’ fisica che durante la stagione invernale”. I trattamenti farmacologici non rappresentano, dunque, una alternativa agli stili di vita ma devono essere sempre accompagnati da un cambiamento di abitudini che tenda verso quelli piu’ sane: abolizione del fumo; riduzione del consumo di bevande alcoliche (non piu’ di un bicchiere di vino al giorno); diminuzione del consumo di sale (facendo attenzione anche alla quantita’ contenuta negli alimenti preconfezionati) riduzione dei grassi animali e colesterolo, in particolare di carni, burro, panna, formaggi e uova. Ma anche chi non ha mai avuto problemi di questa natura deve attenersi a semplici indicazioni: “L’attivita’ fisica (nel senso di movimento quotidiano, camminata a passo svelto, andare in bicicletta, salire le scale a piedi) deve impegnare almeno 150 minuti a settimana, e nei bambini almeno 60 minuti al giorno; l’alimentazione deve essere varia e bilanciata con molta verdura e frutta, legumi, cereali integrali, pesce e poca carne, tutto in porzioni modeste”. Perche’ ictus e stili di vita camminano a braccetto, specie con il boom di sovrappeso e obesita’ di questi ultimi decenni: “L’ictus, come gran parte delle malattie cronico-degenerative – spiega Giampaoli – riconosce una eziologia multifattoriale; e’ possibile valutare il proprio rischio di andare incontro a un evento cerebrale maggiore sulla base di otto fattori di rischio: eta’, sesso, pressione arteriosa sistolica, terapia antipertensiva, colesterolemia totale e HDL, abitudine al fumo e diabete. Esiste uno strumento, applicato in sanita’ pubblica, il punteggio individuale, che permette di sapere quante persone su 100 con le nostre stesse caratteristiche andranno incontro a un evento coronarico o cerebrovascolare maggiore nei prossimi 10 anni. Tuttavia, il punteggio individuale non permette di definire quali saranno queste persone”.

Leggi anche:
Schwarzy e Cotillard tra i vip al One Planet summit di Parigi

Purtroppo le persone che adottano stili di vita sani “costituiscono un gruppo poco numeroso della popolazione generale (circa il 5-10%) e sono quelle che si ammalano di meno, hanno eventi meno gravi e dichiarano di avere una qualita’ di vita buona o eccellente in eta’ avanzata”. Il fenomeno non e’ da sottovalutare: se e’ vero, come riporta il Global Burden of Disease, che i decessi causati da ictus si sono ridotti negli ultimi 20 anni in tutti i paesi dell’Unione Europea, uno studio inglese realizzato dal King’s College di Londra prevede un aumento del 34 per cento dell’incidenza della patologia nei prossimi 20 anni (dai 613.148 nuovi casi all’anno nel 2015 agli 819.771 nel 2035), a causa del progressivo invecchiamento della popolazione. I costi collettivi dell’ictus sono valutati nello studio in 3,7 miliardi di euro, il 4 per cento della spesa sanitaria nazionale. Un terzo e’ rappresentato dalle spese di trattamento nella fase acuta. Gli altri due terzi sono costi generati dalla disabilita’. Ci sono poi gli oneri che cadono sulle spalle delle famiglie. “E’ fondamentale che in Italia si arrivi ad avere un protocollo uniforme da seguire per la riabilitazione di pazienti post-ictus”, e’ l’appello lanciato da Nicoletta Reale, presidente di Alice Italia Onlus. “La riabilitazione deve iniziare fin dalla fase di ricovero per poi proseguire in modo continuativo, senza interruzioni e senza rigide limitazioni temporali, in strutture idonee e nei distretti sanitari territoriali”, sottolinea. Peccato che solo 6 regioni in Italia presentano percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali aggiornati e attivi per la riabilitazione di pazienti post-ictus. Sono Valle d’Aosta, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Emilia-Romagna e Marche. Per le altre la strada e’ ancoran lunga.

Leggi anche:
E' caccia agli esopianeti, arriva un "Espresso" dal Cile

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti