“Momento peggiore minacce a mio figlio”

19 maggio 2014

“Nella mia vita di magistrato il momento peggiore e’ stato quando un mafioso ha citofonato a casa mia dicendo ‘i figli si sa quando escono e non si sa quando ritornano'”. Lo ha detto il presidente del Senato Piero Grasso al parlamento siciliano, nel corso della manifestazione della Giornata della Memoria e dell’impegno nella lotta alle mafia a cui ha partecipato, tra gli altri, una rappresentanza di studenti di alcune scuole siciliane. “Razionalizzando pensammo con mia moglie che la mafia voleva vedere la nostra reazione e noi scegliemmo di non fare nulla. Io pero’ da quel momento uscii dalla vita di mio figlio, dai suoi giochi e lui ebbe un problema ad accettare questa situazione. Solo dopo anni riuscimmo a risolvere il nostro rapporto, questo solo dopo la morte di Falcone – ha aggiunto -. In quel momento capi’ l’importanza del nostro lavoro e decise di impegnarsi in un altro modo facendo il militare in polizia e oggi sempre in polizia ricopre il ruolo di funzionario”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it

Leggi anche:
Allerta rossa in Basilicata, Calabria e Sicilia


Commenti