Huawei contrattacca: “Continueremo a fornire aggiornamenti”. E la Cina sostiene azioni legali dopo strappo Google

Huawei contrattacca: “Continueremo a fornire aggiornamenti”. E la Cina sostiene azioni legali dopo strappo Google
20 maggio 2019

“Huawei continuera’ a fornire aggiornamenti di sicurezza e servizi post-vendita a tutti gli smartphone e tablet Huawei e Honor esistenti, coprendo sia quelli gia’ venduti sia quelli in stock a livello globale”. Lo afferma Huawei in merito alle indiscrezioni di stampa sulla perdita dell’accesso, per i dispositivi Huawei, agli aggiornamenti del sistema operativo di Google, Android.

“Huawei ha dato un contributo sostanziale allo sviluppo e alla crescita di Android in tutto il mondo”, dice l’azienda cinese. “Come uno dei principali partner globali di Android, abbiamo lavorato a stretto contatto con la loro piattaforma open source per sviluppare un ecosistema che ha avvantaggiato sia gli utenti che l’industria. Continueremo a costruire un ecosistema software sicuro e sostenibile – aggiunge Huawei – al fine di fornire la migliore esperienza a tutti gli utenti a livello globale”.

Sul fronte politico, intanto, il portavoce del ministero degli Esteri, Lu Kang, fa sapere che la Cina “sostiene” le sue societa’ nel ricorso “ad armi legali a difesa dei loro diritti legittimi”. E’ arrivata come un fulmine a ciel sereno, la sospensione delle fornitura a Huawei degli aggiornamenti di Android da parte di Google. La mossa e’ l’effetto dell’inserimento del colosso delle tlc di Shenzhen nella lista nera del commercio Usa per motivi di sicurezza nazionale, ultimo capitolo dello scontro commerciale tra Usa e Cina.

Lu ha affermato di essere a conoscenza dei report dei media sulla sospensione degli aggiornamenti di Android a Huawei a seguito della stretta dell’amministrazione Trum. “Confermeremo formalmente la questione e monitoreremo ulteriormente lo sviluppo della situazione”, ha osservato il portavoce, ricordando che “allo stesso tempo, la Cina sostiene le compagnie cinesi nel ricorso alle armi legali a difesa dei loro diritti legittimi”.

Notizie arrivano anche dal colosso statunitense. “Ci stiamo conformando all’ordine e stiamo valutando le ripercussioni – ha detto un portavoce di Google – Per gli utenti dei nostri servizi, Google Play e le protezioni di sicurezza di Google Play Protect continueranno a funzionare sui dispositivi Huawei esistenti”. In sostanza, le parole della compagnia californiana rassicurano i possessori di smartphone e tablet Huawei, garantendo l’accesso al negozio di app e alla protezione da minacce informatiche.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti