Imprese, fisco, risparmiatori: ecco le novità della manovra

Imprese, fisco, risparmiatori: ecco le novità della manovra
29 dicembre 2018

Ecco le novita’ della manovra su fisco, imprese, banche e risparmiatori.

FISCO WEB TAX: resuscita la tassa del 3% sul digitale. Riguardera’ le imprese con oltre 750 milioni di fatturato di cui 5,5 milioni almeno prodotti online.

CONDONO VIA SALDO E STRALCIO: arriva la sanatoria sui debiti fiscali e contributivi per chi ha Isee sotto i 20.000 euro (o e’ in liquidazione). Tre le aliquote: 16%, 20% e 25%.

FLAT TAX PER AUTONOMI: le partite Iva possono aderire ad un regime forfettario del 15% sui ricavi fino a 65 mila euro e (dal 2020) del 20% sulla quota eccedente fino a 100.000 euro.

GIOCHI E TABACCHI: aumentano le aliquote sui tabacchi lavorati, cosi’ come il Preu su slot e videolotteries.

CEDOLARE SECCA SUI NEGOZI: arriva la cedolare al 21% sugli affitti di locali commerciali fino a 600 mq stipulati nel 2019.

IMPRESE IMU SUI CAPANNONI: la deducibilita’ dei beni strumentali raddoppia rispetto al precedente 20% salendo al 40%.

PREMI INAIL: sgravio di circa il 30% per un totale di 410 milioni nel 2019 fino a 600 milioni nel 2021.

MINI IRES: per chi reinveste gli utili in azienda in beni strumentali o posti di lavoro l’Ires scende al 15%. Addio pero’ all’Ace e all’Iri. Il credito d’imposta su ricerca e sviluppo viene dimezzato, ridimensionato il superammortamento.

BOLKESTEIN: niente gara per le concessioni demaniali di balneari e ambulanti. Il commercio su aree pubbliche viene escluso dalla direttiva Ue, per i lidi il rinnovo e’ di 15 anni.

ANCHE CDP PER SALDO DEBITI P.A, MULTE A RITARDATARI – risorse anticipate da banche e Cdp per accelerare i pagamenti 2019. Dal 2020 per chi non rispetta i tempi o non smaltisce lo stock, tagli alle spese sui consumi intermedi e multe, che, in sanita’, costeranno parte delle indennita’ a direttori generali.

BANCHE E ASSICURAZIONI RISPARMIATORI: risarciti anche gli azionisti colpiti dai crack bancari, priorita’ a chi ha Isee sotto i 35.000 euro. Il fondo e’ di 1,5 miliardi in tre anni. Per l’indennizzo, il 30% del costo di acquisto per massimi 100.000 euro, il risparmiatore non dovra’ piu’ dimostrare il misselling di fronte all’Arbitro Consob, ma fare richiesta ad un Commissione di 9 saggi del Mef.

DALLE BANCHE OLTRE 3 MLD, 900 MLN DA ASSICURAZIONI – La manovra introduce una modifica del trattamento contabile di perdite e svalutazioni dei crediti che portano ad un incasso per lo Stato di 3,5 miliardi. Le assicurazioni invece dovranno fare i conti con un aumento degli acconti fiscali da 900 milioni.

Leggi anche:
Si complica la partita dell'Italia sul commissario Ue, scontro Lega-M5S

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti