Inizio dell’anno con la danza di Roberto Bolle

Loading the player...
22 dicembre 2017

Il suo fisico statuario è un inno alla bellezza, la sua incredibile preparazione artistica e la simpatia che sa trasmettere sono garanza di successo assicurato, il pubblico lo ama perché ha saputo portare la danza tra la gente. Roberto Bolle torna in televisione con “Danza con me” un grande show su Rai 1 la sera del primo dell’anno. “Sicuramente riesco a rendere pop la danza mettendo insieme tanti diversi, per questo spettacolo “Danza con me” ho voluto con me dei compagni di viaggio diversi tra di loro, da Sting a Tiziano Ferro, Fabri Fibra, Miriam Leone, Marco D’amore, Pif, Virginia Raffaele, Geppi Cucciari. Artisti diversi ognuno dei quali è un numero uno nel suo campo e porta un pubblico diverso a vedere una trasmissione di danza, allarghiamo il pubblico che vede la danza e questa è sicuramente la missione primaria”.

Dialoga e scherza con gli ospiti e danza dal classico al moderno con duetti inattesi e momenti lirici. “Sicuramente mi ha sorpreso Marco D’Amore, prima non lo conoscevo, ma l’ho scelto perché era abbastanza improbabile vicino a me, lui è il cattivo di “Gomorra” e il mondo della danza non li vedi abbinati facilmente e l’abbiamo scelto perché poteva essere una sfida interessante proprio per proporre qualcosa di inaspettato”. Col ballerino siriano che si è salvato grazie alla danza Ahmad Joudah, ballerà sulle note di Inshallah cantata da Sting per accendere un faro sulla tragedia dei migranti e della guerra. “Una storia unica, incredibile, emblematica di quella che è la forza della danza, di quello che l’arte e la danza possono fare per salvare una persona e dare un destino e un futuro diverso a qualsiasi persona”. Mescola generi e artisti, si diverte con la musica ed è capace di trasmettere la sua passione con gesti perfetti, ma anche giocando con le nuove tecnologie usando sul suo corpo il body mapping o ironizzando con Pif sulla storia della danza. Un programma tutto da scoprire e vedere.

Leggi anche:
Google e il Doodle per Bach: l'AI compone la tua melodia
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti