Ius soli, ddl sparisce dal calendario dei lavori aula Senato

Ius soli, ddl sparisce dal calendario dei lavori aula Senato
13 settembre 2017

Il ddl sullo ius soli sparisce dal calendario dei lavori dell’aula del Senato. La certificazione dello stop è giunta ieri al termine della conferenza dei capigruppo, deputata a stilare l’agenda dei lavori dell’assemblea, nel corso della quale il provvedimento non è stato riproposto dalla maggioranza, lasciandolo di fatto in un limbo procedurale. A spiegarlo è stato lo stesso presidente dei senatori Pd, Luigi Zanda, al termine della riunione: “Non ci sono i numeri per approvare la norma”. E a poco serve l’auspicio di poter modificare la situazione “nei prossimi giorni e settimane”, grazie ad un “lavoro politico” in tal senso. Troppo timido poi il suo ribadire: “Per noi la norma è una priorità, non abbiamo cambiato idea”. Ap per voce dei capigruppo di Camera e Senato, Lupi e Bianconi, ha rimarcato come il premier, ritenendo inopportuno porre la questione di fiducia sulla norma, abbia dato prova di “buon senso e responsabilità”, e che insistere nel dibattito avrebbe potuto comportare “alti rischi”.

Leggi anche:
Schiaffo di Fratoianni a Renzi: tempo scaduto per coalizione col Pd

Sinistra italiana con Mdp ha insistito nella richiesta di inserire il ddl nel calendario dei lavori nell’ultima settimana di settembre, ma senza esito, visto che l’assemblea ha confermato votando le decisioni della capigruppo. La presidente dei senatori Si, de Petris aveva anche assicurato il voto dei suoi in una “fiducia di scopo”, ma inutilmente. E a nulla è valsa neppure la messa in guardia della capogruppo Mdp, Cecilia Guerra: “Il rinvio certifica l’affossamento della norma e offre un alibi a chi ha cambiato idea sul provvedimento”. Ad esultare è invece la Lega nord: “È una nostra vittoria!” scandisce il capogruppo Centinaio, che aggiunge: “Vigileremo comunque”. Roberto Calderoli rincara: “Per lo ius soli la maggioranza non ci sarà mai: nè nel paese, nè in Parlamento”. “Ne prendiamo atto positivamente” è invece il compiaciuto commento di Maurizio Gasparri di Forza Italia.

Leggi anche:
Sicilia, si insedia il nuovo governatore Musumeci. Ars attiva a metà dicembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti