Ecco la Ferrari F8 Tributo: 720 cavalli, 236 mila euro il costo

5 marzo 2019

Ferrari svela la nuova F8 Tributo, l’erede della 488 Gtb. A presentarla al Salone di Ginevra Enrico Galliera, capo marketing della casa di Maranello. “Il 2019 sara’ un anno molto importante. Lanceremo tanti nuovi prodotti, questo e’ il primo capitolo”, ha detto Galliera. “Il nuovo modello e’ un tributo al motore V8, il piu’ potente della storia di Maranello”.  F8 Tributo e’ la nuova berlinetta due posti a motore centrale-posteriore, massima espressione di questa tipologia di vettura mai realizzata dal Cavallino Rampante. Si posiziona come nuovo punto di riferimento del mercato per performance, divertimento e facilita’ di guida. Rende infatti accessibili a ogni pilota le entusiasmanti prestazioni del miglior 8 cilindri al mondo e costera’ 236 mila euro, il 3% in piu’ rispetto alla 488 Gtb che sostituisce.

Con i suoi 720 cavalli, e’ il V8 piu’ prestazionale di sempre per una Ferrari non in serie limitata. Si basa sulla stessa unita’ gia’ utilizzata per altri modelli della gamma con diversi livelli di potenza e che e’ stata premiata per 3 anni consecutivi (2016, 2017 e 2018) come “International Engine of the Year”, oltre a essere riconosciuto come miglior motore degli ultimi 20 anni. La F8 Tributo sostituisce la 488 GTB migliorandone in maniera significativa i principali parametri: oltre al propulsore, in grado di erogare 50 cv in piu’, la nuova Ferrari e’ piu’ leggera di 40 kg, beneficia di un incremento dell’efficienza aerodinamica (+10%) e della nuova versione del Side Slip Angle Control, ora in versione 6.1.

La prima Ferrari ibrida, invece, sarà presentata a maggio e il primo suv “Purosangue” sarà pronto nel 2022. “La prima ibrida – ha sottolineato l’amministratore delegato Louis Camilleri – la vedrete tra qualche mese: è una bellissima macchina. A maggio ci sarà il lancio, sarà in vendita l’anno prossimo”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti