La Fiorentina travolge la Spal ed e’ seconda

La Fiorentina travolge la Spal ed e’ seconda
22 settembre 2018

 

La Fiorentina torna a vincere davanti al suo pubblico e grazie al 3-0 inflitto alla rivelazione-Spal si porta al momento al secondo posto, agganciando il Sassuolo. La squadra viola, reduce dal ko a Napoli e dal pareggio nel recupero di mercoledi’ con la Sampdoria, ha disputato una prestazione brillante trascinata dai suoi giovani talenti: e’ stato Pjaca, al primo gol in assoluto in Serie A, a sbloccare il risultato nel primo tempo, poco dopo il raddoppio di Milenkovic e a inizio ripresa tris di Chiesa, alla seconda rete personale agli emiliani dopo quella realizzata la scorsa stagione a Ferrara.

Leggi anche:
Mondiali calcio a Qatar, Platini rilasciato da custodia cautelare

Per il fiorentino Semplici una serata da dimenticare: la sua squadra non e’ mai davvero entrata in partita, ha commesso errori fatali (con Fares e Gomis) e ha impegnato la difesa avversaria solo una volta, a meta’ secondo tempo. I 9 punti ad ora conquistati restano comunque un gran bottino. Rispetto alla gara con la Samp Pioli ha confermato 9/11 della formazione, compreso il tridente Chiesa-Simeone-Pjaca: le uniche novita’ Lafont e Benassi. Nessuna sorpresa da parte di Semplici che ha schierato gli stessi undici per la quinta gara di fila.

Leggi anche:
Ecco la Juve targata Sarri, CR7-Dybala al centro

Serata afosissima, Franchi gremito, sfida che entrata subito nel vivo soprattutto grazie ad una brillante e intensa Fiorentina che al 18′ e’ andata a segno con Pjaca pronto a sfruttare una goffa respinta di Fares su lancio di Biraghi. Poco prima a Milenkovic era stata annullata una rete per fuorigioco. L’unico affondo della Spal e’ arrivato al 24′ con Antenucci innescato da Lazzari (tiro impreciso). Troppo poco: ne ha approfittato la Fiorentina che ha raddoppiato con Milenkovic di testa su corner di Veretout, sfruttando al meglio l’uscita sbagliata di Gomis.

Leggi anche:
Mondiali donne: Marta batte azzurre, ma Italia è prima

La squadra di Pioli ha continuano ad attaccare trascinata dal suo pubblico (che ha applaudito gli oltre 1200 tifosi della Spal quando hanno dedicato un coro ad Astori), Biraghi ha rischiato su un brutto intervento su Lazzari, il migliore dei suoi. Cosicche’ a inizio ripresa Pioli lo ha sostituito facendo esordire lo slovacco Hancko (positivo). La Spal pero’ a parte un tiro, l’unico, di Petagna non ha mostrato segni di reazione, la Fiorentina e’ rimasta padrona e all’11’ Chiesa ha timbrato il tris su azione orchestrata da Simeone e Pjaca: per il figlio d’arte secondo gol in campionato, festeggiato abbracciando il fratellino Lorenzo, 14 anni, oggi raccattapalle e in forza alle giovanili viola.

Leggi anche:
Di Biagio deluso: "Ai ragazzi non rimprovero nulla"

Al 26′ la Spal ha rischiato di restare pure in 10 per l’espulsione decisa dall’arbitro Ghersini verso Kurtic per un fallo su Pezzella: la Var ha riveduto e corretto una decisione che sarebbe stata troppo severa.  Semplici nel finale ha inserito Paloschi ma la gara era ormai compromessa contro una Fiorentina che ha continuato ad attaccare fino alla fine. Pioli ha avvicendato Chiesa e Pjaca pensando alla trasferta di martedi’ con l’Inter che la sua squadra affrontera’ adesso con animo lieve e una classifica che sta entusiasmando la piazza.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti