La rivoluzione del Gusto, i prodotti delle aziende agricole nelle piazze italiane

Loading the player...
15 maggio 2018

Un iconico van Volkswagen anni ’70 in giro nelle principali città italiane per portare la “Rivoluzione del gusto” nelle piazze e per mettere in moto un vero e proprio tour del biologico. Durerà 10 settimane e attraverserà lo stivale da nord a sud, partendo da Milano per arrivare fino a Napoli passando anche per Firenze e Roma. Si chiama “La rivoluzione del gusto” la nuova iniziativa di NaturaSì, il marchio dei negozi biologici. Dal 7 maggio al 15 luglio il furgoncino porterà il bio nei luoghi frequentati dai cittadini, coinvolgendoli in degustazioni gratuite, offrendo prodotti in omaggio ma non solo. Nelle 10 piazze italiane toccate dal tour gli appassionati e i curiosi del bio potranno scoprire i progetti di filiera Ecor a tutela di una sana agricoltura e potranno conoscere i negozianti e le aziende agricole biologiche e biodinamiche fornitrici di NaturaSì.

Emilio Camera lavora in uno dei negozi di NaturaSì a Milano ed è impegnato in prima persona in questo bio tour “la Rivoluzione del Gusto”: “Si tratta di una rivoluzione all’interno dei nostri scaffali – ha sottolineato – Abbiamo preso i nostri prodotti e abbiamo rifatto le ricette sostituendo farine bianche con farine semintegrali, riducendo gli aromi naturali, e soprattutto abbassando gli zuccheri. Il tour della Rivoluzione del gusto ci vedrà impegnati in dieci tappe, in dieci città d’Italia, dai Navigli al Vomero. Lo scopo è far incontrare produttori agricoli, negozianti e consumatori nelle piazze”. Anche questa una vera rivoluzione. In ognuna delle dieci tappe sarà affrontato un tema diverso: sapore, stagionalità, filiera, biologico, ma anche etica, sapere, benessere, natura e prezzo. L’ultima tappa sarà dedicata al futuro dell agricoltura e alle nuove generazioni. NaturaSì aspetta tutti in piazza nelle diverse città italiane durante il fine settimana per degustazioni gratuite, colazioni, merende e aperitivi bio. La rivoluzione del gusto è iniziata.

Leggi anche:
Riace, migranti preoccupati: "Che fine faremo?"

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti