L’addio a Pannella, in migliaia ai funerali a piazza di “Marco”. Bonino: “Ci sono omaggi che puzzano di ipocrisia”

L’addio a Pannella, in migliaia ai funerali a piazza di “Marco”. Bonino: “Ci sono omaggi che puzzano di ipocrisia”
21 maggio 2016

Il leader storico del Partito Radicale, Marco Pannella

Marco Pannella “e’ stato soprattutto irriso, deriso, quando non vilipeso e penso che alcuni omaggi postumi puzzano di ipocrisia lontano un miglio”. Non usa mezze parole Emma Bonino dal palco di piazza Navona nel ricordare Pannella. “Benvenuti se vi siete ricreduti ma il modo migliore per onorarlo e’ fare piu’ attenzione alle battaglie che aveva e che abbiamo in corso”. Un lungo applauso ha accolto l’arrivo del feretro di Marco Pannella in piazza Navona, a Roma. Oltre un migliaio le persone arrivate per l’ultimo saluto allo storico leader radicale. La bara, arrivata dalla sede del Partito Radicale, è stata portata sul palco mentre in piazza sventolavano bandiere del Partito Radicale, della pace ma anche degli Stati Uniti, di Israele e del Tibet. “Piazza Navona – ha detto dal palco Rita Bernardini – era la piazza di Marco, piazza Marco Pannella, la piazza di tante battaglie radicali vinte e perse. La piazza in cui nel 1974 festeggiammo la vittoria sul divorzio”. Dopo il breve intervento della Bernardini, sul maxischermo è stato proiettato un video sulla vita e le battaglie di Pannella. C’è anche la band di Carletto Loffredo a salutare a suon di jazz Marco Pannella in piazza Navona dove, dice ancora la Bernardini, c’e’ “la famiglia di Pannella allargata a tutti voi, una famiglia che sceglie di stare insieme ogni giorno perche’ non ha catene”. Mentre e’ la storica compagna di Pannella, Mirella Parachini, a ricordare che l’unico auspicio di Marco era: “al mio funerale non voglio che si pianga”. Mentre Matteo Angioli, che con Laura Art sono stati fino all’ultimo minuto di vita con Pannella, ricorda: “nell’ultima notte a casa, quando ci siamo accorti che le medicine non riuscivano a calmare il dolore, Marco e’ stato cosi’ signore da chiederci scusa” per il disagio. “Non ha tirato nessun sos. L’unico sos e’ stato quello per il diritto di tutte e di tutti”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi anche:
Provetta con feto in aiuola, indagano i carabinieri

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti